"Spegni, ci sitamo inc...zando": le minacce dei rom a chi mostra il degrado

Degrado, traffico di droga e soprusi. Nella baraccopoli rom di via dei Gordiani, alla periferia est di Roma, la situazione è da bollino rosso e guai a fare troppe domande: "Spegni la videocamera, ci stiamo inc***ando proprio di brutto"

Chi passa da via dei Gordiani a un certo punto è costretto ad abbandonare il percorso protetto del marciapiede, avventurandosi lungo la carreggiata. Le cataste di immondizia che incorniciano l’ingresso del campo rom non lasciano alternativa. Vere e proprie montagne di rifiuti ammassati a pochi passi dai cassonetti vuoti. Nel marasma di sporcizia non ci sono solo scarti alimentari e calcinacci ma anche carcasse di animali.

Quella di un gatto nero in avanzato stato di decomposizione è in bella vista su un letto di bottiglie e rovi. "L’Ama ogni tanto interviene pure, ma dopo un paio di giorni la discarica si riforma e ci ritroviamo al punto di partenza", commenta Mario Podeschi, vicepresidente del V Municipio e assessore alle Politiche sociali. "Piazzeremo delle telecamere – promette – sperando serva a scoraggiare gli zozzoni". Il degrado prosegue anche nella baraccopoli. Un villaggio di roulotte e tetti di lamiera abitato da circa 250 persone.

Ognuno si arrangia come può: c’è chi sopravvive con il reddito di cittadinanza, chi fruga nei cassonetti per recuperare ferro e rame e chi invece si dedica ad attività più remunerative. Ma andiamo per gradi. Intanto c’è da dire che non tutti sono disponibili al dialogo. Lo scopriamo a nostre spese quando mettiamo piede nella favela. Mentre parliamo con alcuni inquilini per cercare di capire la realtà del campo e il perché sia diventato una discarica a cielo aperto, un’auto nera ci sorprende alle spalle.

Alla guida c’è un uomo sulla quarantina. Non sente ragioni. "Andate via di qua sennò vi spacco le telecamera", dice uscendo dalla vettura e venendoci incontro con fare minaccioso. "Spegni la telecamera - ripete - che oggi è una giornata di mer** e qui c’è gente molto inc***ata". Da quel momento in poi inizia a pedinarci. Sgasa e ci sfreccia accanto più volte. Scompare e riappare. Ci intima ancora di andarcene. L’idea è che potrebbe investirci da un momento all’altro.

Siamo costrette ad allontanarci, ma prima raccogliamo l’appello di una donna: "Viviamo senza luce né acqua, circondati da topi e immondizia, aiutateci". Qui si girano quasi tutti dall’altra parte per paura delle conseguenze. "Io penso agli affari miei e al bene della mia famiglia, è meglio così", taglia corto una rom alla quale chiediamo un commento su alcuni episodi di cronaca. In particolare quello che ha visto protagonista una ragazza italiana di trentacinque anni. La sua è una storia da brividi.

L’ex compagno, rom di quarant’anni e residente nel campo, ha incaricato il fratello di sequestrarla per vendetta. La sua unica colpa: quella di averlo lasciato mettendo così fine ad una relazione scandita da violenze ed abusi. Derubata e tenuta imbavagliata in un camper tutta la notte, la malcapitata alla fine è stata scaricata davanti all’insediamento del Casilino. Nemmeno una settimana fa, invece, gli inquilini della baraccopoli hanno cercato di coprire un nomade in fuga dalla polizia. "In quel campo si sono specializzati anche in traffico di droga – racconta Mario Podeschi – come testimoniano diversi blitz della polizia".

Il villaggio di via dei Gordiani non è uno di quelli in lizza per la chiusura. Il piano rom di marca grillina non lo annovera tra le priorità. E allora tocca alle istituzioni locali provare a metterci un pezza. "Stiamo facendo colloqui con le singole famiglie per individuare soluzioni alloggiative e coinvolgerle i più volenterosi in progetti lavorativi", spiega Podeschi. Ma i percorsi di inclusione sono lunghi e tortuosi, così il campo rimane sorvegliato speciale del commissariato di zona.

"Non ci sono soltanto i rifiuti, c’è chi spaccia, chi contrabbanda il rame, l’amministrazione dovrebbe sgomberarlo per motivi di ordine pubblico", commenta polemico il consigliere municipale di Fratelli d’Italia Fabio Sabbatani Schiuma. Anche lui critica il piano rom della Raggi: "Non si può stilare una classifica delle baraccopoli, bisogna risolvere il problema una volta per tutte, la giunta pentastellata è vittima di un’amnesia: che fine ha fatto la legalità?".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di saggezza

saggezza

Gio, 21/01/2021 - 11:03

dovrebbero in primis intervenire le toghe.

Ilsabbatico

Gio, 21/01/2021 - 11:08

Una volta per tutte vuole dire rimandarli al loro paese o metterli in galera.

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Gio, 21/01/2021 - 11:11

Lungi dall’essere ‘minacce choc’, siamo pur sempre sotto il dominio della Legge della Giungla, una pertinente domanda fa capolino spontaneamente come la solita, iniqua tassa dei progressistoidi: fanno più schifo i rom o quelli definiti ‘giornalisti’ i quali, in nome di un molto aleatorio e discutibile diritto di cronaca, vanno a rompere l'anima agli stessi rom sperando che questi reagiscano duramente in modo tale che questa reazione possa essere, poi, abilmente strumentalizzata? Appunto, una semplice domanda pertinente…

Enne58

Gio, 21/01/2021 - 11:40

Quando la legge non è uguale per tutti e quando la cosa pubblica diventa privata. Anche quando chi di competenza, vigliaccamente fa finta di non vedere

DRAGONI

Gio, 21/01/2021 - 12:19

SAREBBE INTRESSANTE CONOSCERE IL COME VORREBBE RISOLVERE IL PROBLEMA UNA VOLTA PER TUTTE.

ondalunga

Gio, 21/01/2021 - 12:31

Degrado totale ovunque e mai nessuno che prova a raddrizzare la schiena a questi soggetti, anzi tante forze e sostanze per "aiutarli ad integrarsi". Risultato ? Sempre peggio, figliano come conigli e pretendono sempre di più. La situazione è ormai senza vie di uscita. E loro si incxx...o pure.

Jon

Gio, 21/01/2021 - 13:24

Le forze dell'Ordine non hanno tempo per i Rom..Devono rincorrere sulle spiagge quelli senza mascherina..!!