Il dna incastra tre stranieri: "Hanno stuprato Desirée Mariottini"

Il test ha confermato, per tre dei quattro ragazzi africani fermati, l’accusa di violenza sulla giovane sedicenne violentata e uccisa a San Lorenzo nella notte tra il 18 e il 19 ottobre scorso

Si è finalmente arrivati a un punto di svolta nelle indagini sulla morte di Desirèe Mariottini, la 16enne violentata e uccisa nella notte tra il 18 e il 19 ottobre scorso nello stabile di via dei Lucani 22, in zona San Lorenzo.

Il test del dna ha confermato che il materiale genetico trovato sul corpo della giovane di Cisterna di Latina, appartenga ad Alinno Chima (47 anni della Nigeria), Mamadou Gara (26 anni del Senegal) e Yusif Salia (32enne del Ghana), tre dei quattro ragazzi africani fermati. Per Gara e Salia verrebbe confermata, così, l'accusa di violenza sessuale.

Dal test del dna, invece, non sono state rinvenute tracce genetiche appartenenti al quarto uomo fermato, Brian Minthe (43enne di origine nigeriana), ma per gli investigatori ci sono elementi e prove sufficienti a far restare vive le accuse nei suoi confronti.

A novembre scorso il Tribunale del riesame aveva riconosciuto il reato di omicidio solo in capo a Mamadou Gara, oltre alla violenza sessuale imputata anche ad Alinno Chima e Brian Minthe. Yusif Salia, arrestato a Foggia il 26 ottobre, durante le indagini aveva dichiarato, invece, di non avere dato la droga a Desirèe e di aver avuto rapporti sessuali con la giovane chiedendole, però, di andar via con lui.

Per Marco Mancini, il 36enne romano accusato di aver venduto le sostanze che avevano stroncato la sedicenne, resta la convalida del fermo del gip Maria Paola Tomaselli che aveva fatto cadere, però, l'aggravante della vendita di stupefacenti a un minorenne.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

manfredog

Mar, 02/04/2019 - 16:57

...dal multiculturalismo al..multistupratismo..EVVIVA!! mg.

maurizio50

Mar, 02/04/2019 - 17:02

Sono tutti raccomandati da Don Francesco il Parroco di Buenos Ayres!!!!!

Reip

Mar, 02/04/2019 - 19:20

Le toghe rosse troveranno il modo di scagionare tutti!

Divoll

Mar, 02/04/2019 - 20:31

Quindi non e' vero che solo i nigeriani sono violenti. Gli altri africani non sono affatto da meno.

Reip

Mar, 02/04/2019 - 22:14

E quindi? Li arrestate oppure gli date il reddito di cittadinanza?

Ritratto di Joker2

Joker2

Mer, 03/04/2019 - 06:03

Considerato il lavaggio con la candeggina per far sparire le tracce,per stabilire e confermare la colpevolezza dei tre autori della violenza mortale della povera Pamela, sarà stato davvero un lavoraccio minuzioso ed intenso per la scientifica!Ma poi, non erano stati liberati dalle accuse? Si trovano ancora in Italia, oppure si sono dati uccelli di bosco?

Ritratto di RomenoXPunizioneGiustizia

RomenoXPunizion...

Mer, 03/04/2019 - 07:41

tante donne italiane vanno con africani e arabi per la droga, tantissime sono sposate e vanno fare sesso di gruppo con i spaciatori nel segreto, questo é un grande tabu.