Tor Bella Monaca, ladri di energia nelle case popolari

Far west nella periferia romana in due palazzoni da 14 piani. Qui 16 persone sono state denunciate per aver sottratto energia elettrica e acqua abusivamente

Tor Bella Monaca, ladri di energia nelle case popolari

E luce fu. Ma a spese nostre. I carabinieri con la collaborazione di Ater, Acea e Areti, dopo le segnalazioni giunte da parte di alcuni residenti che avevano indicato la presenza di numerosi allacci abusivi, hanno controllato gli stabili portando alla luce un fatto clamoroso. Almeno un appartamento su quattro è irregolare. Sedici ladri di energia denunciati. Si tratta di mosse raffazzonate per rubare elettricità e, in alcuni casi, anche l’acqua. Utenze mai pagate e sfruttate da chi vive nelle palazzine popolari viale Santa Rita da Cascia, a Tor Bella Monaca.

Ecco il far west dell’estrema periferia romana. Le ispezioni hanno interessato due immobili ciascuno di 14 piani. Un sopralluogo, come detto, figlio di segnalazioni di alcuni residenti onesti che, da tempo, lamentavano cali di energia elettrica nel quartiere e, soprattutto, forte odore di bruciato. La macchina della sicurezza si è messa così in moto.

I militari hanno denunciato 4 persone per furto di energia elettrica condominiale. Altre 11 denunciate per furto di acqua e una persona è stata denunciata per furto di energia elettrica ai danni di Areti. Ulteriori violazioni della stessa natura sono state commesse dagli occupanti di altri 18 appartamenti degli stessi immobili ispezionati, ma che devono essere ancora identificati.

Giancarlo Colella, presidente della commissione patrimonio del sesto municipio da tempo impiegato in quella che ha definito “operazione legalità”, ha commentato: “L’obiettivo è quello di rendere questi immobili simbolo della legalità. Ottenere che tutti i 73 appartamenti vengano dati ai legittimi assegnatari e che tutti siano legalmente collegati alle utenze. Questo farà da apripista a tutte gli altri casi presenti sul territorio di Tor Bella Monaca ma anche dell’intero municipio”.

Commenti