Christmas Blues, che cos’è e come gestirlo

Il Christmas Blues è una forma di depressione caratterizzata da insonnia, ansia, nervosismo e apatia. Si manifesta durante le feste natalizie e i soggetti più a rischio sono coloro che tendono a rimuginare sul passato o che fanno fatica ad adattarsi ai cambiamenti

Il Natale 2020 non si prospetta una festa idilliaca ma segnato dal Christmas Blues. Lo conferma il diffondersi questa forma di depressione che regolarmente si manifesta proprio nel periodo natalizio ma che quest’anno è più acuta a causa degli effetti dell’emergenza Covid-19 sulla socialità.

Come riconoscere la depressione natalizia

Il Christmas Blues è caratterizzato da tristezza, stanchezza psico-fisica, nervosismo, apatia e insonnia. È questa la manifestazione evidente di un disagio che diventa più acuto in questo particolare periodo. Il Natale tende a metterci “a tu per tu” con le emozioni più forti e profonde del nostro “io”. Inevitabilmente, rappresenta il momento in cui ci si ritrova a fare dei bilanci esistenziali. Questa pratica è segnata da un diffuso senso di inadeguatezza a causa del periodo delicato che stiamo vivendo.

Inoltre, da tempo il Natale è considerato la festa della famiglia e dei bambini. Ma a causa delle restrizioni e del distanziamento sociale quest’anno molte persone si ritroveranno a casa sole, lontane da affetti e amici. I soggetti più esposti a questo malessere sono quelli che già vivono l’inverno e i suoi cambiamenti climatici con disagio e apatia. Si tratta di coloro che soffrono di un disturbo chiamato Seasonal Affective Disorder.

Secondo vari studi scientifici sull’argomento, ad essere immuni da questa problematica sono i bambini e gli anziani che, tendenzialmente, sono portati a vivere questa festività con gioia ed entusiasmo.

Come gestire al meglio il Christmas Blues

Per gestire al meglio questo stato psicologico di disagio, la maggior parte degli psicologi consiglia di sforzarsi di tenere lontano dalla mente tutti i pensieri negativi legati al futuro. Occorre sforzarsi di focalizzare la mente sugli aspetti più gioiosi e conviviali di questo periodo. Quindi bisognerebbe essere più flessibili e mantenere la mente occupata nello svolgimento di attività come cucinare, mettere in ordine la casa, leggere, ascoltare musica. Solo adempiendo ad una routine ci si sente utili e vitali. Inoltre, il Natale potrebbe rappresentare l’occasione per scoprire nuove attitudini e passioni che, inevitabilmente, potranno portare vitalità e positività nelle giornate trascorse a casa.

I consigli per vivere un Natale sereno

Ecco dei consigli preziosi per affrontare al meglio il Natale e tenere a bada il disagio e la malinconia ad esso connesso:

  • coltivare pensieri positivi: cercare di non rimuginare sul passato e su ciò che non si può avere nell’immediato. Vivere la dimensione del “qui” e ora” può essere utile per godersi ogni attimo del presente;
  • concentrarsi su ciò che fa star bene: dedicarsi ad attività piacevoli come la lettura di un libro, ascoltare la propria musica preferita, suonare uno strumento musicale. Sono attività che aumentano lo stato di benessere mentale e fisico;
  • staccare la spina: limitare la consultazione di social media per vivere la propria vita reale;
  • mantenersi attivi: non mettere in stand-by la propria vita ma dedicarsi ai progetti lasciati a lungo in disparte permette di creare una routine terapeutica;
  • concedersi un po’ di riposo: questi giorni di festa possono rappresentare l’occasione per dormire di più e rilassarsi;
  • coccolarsi di più: concedersi qualcosa di goloso, farsi un regalo o programmare un viaggio futuro aiuta a stare bene;
  • coltivare le relazioni (anche a distanza): mantenere vivi i contatti con familiari e persone che ci fanno star bene tramite videochiamate. Confrontare le proprie emozioni con gli altri può essere liberatorio e contribuisce a farci sentire meno soli.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.