Come depurare l’intestino in sette giorni

L’intestino è il nostro secondo cervello. Quando è malfunzionante ci si sente gonfi, appesantiti e di cattivo umore. È possibile prendersi cura di questo organo con una dieta detox di sette giorno

Studi scientifici accurati dimostrano che l’intestino è la chiave della salute del nostro organismo.

Depurarlo da batteri nocivi è di fondamentale importanza per il nostro benessere. Il 70% del nostro sistema immunitario ha infatti sede in questo organo. Un intestino poco o mal funzionante può dare origine a sintomi specifici come coliti, meteorismo, gonfiore addominale, alterazioni del transito intestinale quali stipsi o diarrea. Può generare anche conseguenze psicologiche come cattivo umore, stress, vulnerabilità.

È possibile prendersi cura del proprio intestino con un piano alimentare strutturato della durata di sette giorni. I nutrizionisti sconsigliano questo tipo di regime alimentare alle donne in gravidanza o in allattamento, agli anziani, a chi soffre di pressione alta. Lo stesso vale per chi ha carenze nutrizionali ed è sottopeso.

Una dieta detox della durata di sette giorni prevede anche un allenamento fisico costante della durata di almeno un’ora al giorno. Lo si può fare grazie al jogging da praticare lungo la spiaggia, la camminata in salita, le discipline come yoga e boxe. L’esercizio fisico è di fondamentale importanza perché consente di riattivare la circolazione sanguigna. Così facendo l’organismo aumenta il flusso linfatico ed espelle efficacemente le tossine attraverso la sudorazione.

Ecco 8 semplici consigli emersi da uno studio americano condotto dal Dott Edward F. Group, fondatore del Global Healing Center, per depurarsi efficacemente in sette giorni:

1) Bere succo di limone di mattina: è il modo migliore per attivare la digestione. Il consiglio è di immergere il limone spremuto in una tazza di acqua calda;

2) Prediligere alimenti crudi: soprattutto per quanto riguarda le verdure è da notare che quelle crude rispetto a quelle cotte contengono più sostanze nutritive ed enzimi;

3) Bere tanta acqua: per disintossicare bene i reni occorre bere almeno due litri di acqua al giorno. Durante la giornata si possono anche gustare tisane calde e depurative a base di finocchio, ortica, menta e anice;

4) Masticare lentamente: i piccoli bocconi migliorano la digestione. Ci fanno sentire prima sazi. Si acquisisce subito un senso di pienezza che non ci induce a mangiare tanto;

5) Condimenti a base di spezie: sostituire l’olio e il sale con le spezie naturali;

6) Massima attenzione alle bevande: evitare alcol e bevande confezionate e gassate. Meglio bere acqua naturale;

7) 15 minuti di meditazione al giorno: importante è imparare a respirare con la pancia. È possibile farlo mettendo le mani sul basso ventre, inspirare attraverso il naso e contando lentamente fino a 3. Infine occorre espirare altrettanto lentamente;

8) Sì a docce fredde: quando fate la doccia utilizzate l’acqua fredda per almeno un minuto per stimolare la riattivazione della circolazione linfatica.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Beppe58

Beppe58

Mer, 08/07/2020 - 11:12

Bene. A questa fiera delle ovvietà manca: passeggiare per almeno dieci minuti al dì, non fumare, non bere alcolici, sì ad un bicchiere di vino rosso al giorno, assumere omega 3 con l'alimentazione, evitare lo stress e un eccesso di zuccheri. Mia nonna, terza elementare, era dietologa ed esperta nutrizionista ante litteram.