Feci sullo spazzolino da denti: una ricerca spiega il perché

Tra le setole dello spazzolino può nascondersi un'orribile sorpresa: materia fecale, non necessariamente la propria. A dirlo è una ricerca di un ateneo statunitense che ha anche suggerito quali comportamenti seguire per evitare la disgustosa presenza di coliformi fecali

Feci sullo spazzolino da denti: una ricerca spiega il perché

Lo spazzolino da denti, tenuto in bagno tra un utilizzo e l'altro, può nascondere una sorpresa ben poco piacevole: infatti, tra le sue setole, potrebbero nascondersi delle feci; a confermarlo è un recente studio pubblicato da un'università degli USA.

Secondo una ricerca della Quinnipiac University, ateneo dello stato americano del Connecticut, su ogni spazzolino vi è ben il 54,85% di possibilità di trovare batteri fecali, percentuale che sale fino all’80% se si parla dell’eventualità che il materiale fecale non sia il proprio. Sebbene sia uso comune quello di utilizzare strumenti protettivi per coprirne le setole, tale espediente sembra non sia abbastanza utile per combattere questa disgustosa quanto indesiderata presenza.

Secondo la ricercatrice Lauren Aber, una delle partecipanti al progetto, il problema reale non è quello della presenza di coliformi fecali propri ma quella altrui. «La preoccupazione maggiore – ha specificato la Aber - non è insita nella presenza della propria materia fecale sullo spazzolino; c’è invece da preoccuparsi quando viene contaminato con quella altrui che contiene batteri, virus o parassiti che non fanno parte della propria flora». Questi microrganismi, infatti, potrebbero essere la causa di diverse patologie, come diarrea, rash cutanei e anche infezioni auricolari, che alle volte compaiono all’improvviso, tanto da sembrare completamente immotivate; per ridurre le conseguenze, suggerisce la ricercatrice, è dunque opportuno ricordarsi di abbassare la tavoletta del wc prima di azionare lo sciacquone, limitando la volatilità dei microrganismi, oltre a ricordarsi di sostituire lo spazzolino ogni 3-4 mesi.

Commenti

Grazie per il tuo commento