Come proteggere gli occhi dalle radiazioni solari

In estate gli occhi necessitano di molta cura e attenzione. L’esposizione ai raggi solari infatti può provocare danni permanenti. Ecco i consigli degli esperti per preservare la salute oculare

Estate significa sole ed esposizione diretta ai raggi UV, da cui è essenziale proteggere gli occhi.

Ciò vale soprattutto per i più piccoli, ritenuti i soggetti più fragili. L’eccessiva esposizione ai raggi ultravioletti del sole, in assenza di adeguata protezione, è infatti dannosa non solo per la pelle ma anche a livello oculare. Per prevenire danni permanenti è consigliato l’uso di occhiali dal sole muniti di lenti adeguate.

La scelta delle lenti da sole infatti non deve essere fatta con leggerezza. Devono infatti avere delle caratteristiche ben precise per la salute oculare. “I raggi UVB e UVA (raggi blu) per esempio, possono provocare gravi disturbi alla cornea, al cristallino, alla retina e alle palpebre. In particolare durante il periodo estivo, durante escursioni in montagna, immersioni o gite in barca, la mancanza di una adeguata protezione contro gli agenti atmosferici come vento, polvere, sabbia causano facilmente arrossamenti, congiuntiviti, lacrimazioni che possono degenerare in vere e proprie patologie”: spiega il dott. Claudio Savaresi, Primario Unità Operativa Oftalmologia, Policlinico San Marco – Zingonia di Bergamo.

Gli occhiali da sole anche se continuano ad essere considerati un oggetto che fa tendenza devono essere funzionali per la protezione dei nostri occhi. Gli esperti sostengono che un requisito essenziale che esprime la sicurezza delle lenti da sole di qualità è l’indicatore di percentuale di schermatura nei confronti dei raggi UVA e UVB. Questo esprime il rapporto tra la quantità di luce che colpisce la superficie della lente e quella che attraversa la lente stessa per giungere all’occhio. Per ogni situazione esistono lenti che hanno capacità di filtrare la luce differentemente e sono contrassegnate da un numero che va da 0 a 4.

Per gli occhiali da sole il filtro abitualmente utilizzato è tra il 2 e il 3. Il numero massimo (4) ha un potere filtrante pressoché totale e quindi necessario soltanto in zone molto luminose come sui ghiacciai. Inoltre prima di acquistare gli occhiali da sole è bene accertarsi che siano certificati col marchio CE. Meglio non lasciarsi attrarre dalle bancarelle che espongono occhiali da sole esteticamente accattivanti ma di cui non si conosce i paesi di provenienza.

Ecco i principali consigli dell’oculista Claudio Savaresi per tutelare la salute dei nostri occhi in estate:

1) Attenzione ai bimbi al di sotto di un anno di vita che non dovrebbero mai essere esposti direttamente al sole;

2)Abituare i bambini a portare gli occhiali da sole fin da piccoli. Il loro tessuto oculare è strutturato in modo tale da permettere una maggiore penetrazione della luce. Inoltre il loro potere filtrante è di gran lunga inferiore di quello degli adulti. I danni si rivelano soltanto quando si è adulti;

3) Una visita preventiva presso il vostro oculista di fiducia è sempre consigliabile;

4) Associare l’uso degli occhiali a quello di un cappello con visiera, per un migliore effetto protettivo;

5) Indossare gli occhiali anche all’ombra, perché i raggi solari, in particolari condizioni di incidenza su alcune superfici, quali sabbia o altre superfici riflettenti, risultano dannosi anche se filtrati.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.