Sorpresa Marco Carta di «Amici» ospite alla festa del Pd di Milano

I più esagitati pensano già alla contestazione. Qualcuno, semplicemente, eviterà il concerto. La maggioranza alla fine lo seguirà e lo applaudirà anche. In ogni caso quella di Marco Carta alla Festa democratica di Milano mercoledì sarà un’apparizione destinata a far discutere. Lui è il vincitore di Amici e del Festival di Sanremo, degnissimo interprete di una canzone italiana che prova a rinnovarsi e che qualche volta si scontra con la falange di chi non lo accetta. La Festa democratica era una volta chiamata Festa dell’Unità e per cantarci dovevi essere allineato o quantomeno inattaccabile, altrimenti sai che fischi. Per dire, sabato sera sempre lì c’era Francesco De Gregori, un habitué, e negli ultimi trent’anni è stata una meta consueta di tutti quei cantautori, da Guccini in giù, fortemente politicizzati. Insomma, il mix Marco Carta - Festa democratica è quantomeno imprevedibile. Certo, è vero che lui ha già cantato in contesti simili. Il 29 agosto dell’anno scorso si è esibito alla Festa dell’Unità a Ospedaletto, in provincia di Pisa senza scatenare anacronistiche e immotivate contestazioni. Ora O2blog.it ha lanciato addirittura un sondaggio e i risultati sono confortanti: il 66 per cento dice che «è giusto aprirsi ad altri generi musicali» e quindi promuove l’arrivo di Marco Carta. Un segno dei tempi.