Alessandro Borghese: "Ho un figlio che non ho mai visto"

Intervistato da Repubblica, lo chef Alessandro Borghese ha confessato di aver scoperto da poco di avere un figlio nato nel 2006: "Non l'ho mai visto ma mi occupo di lui dal punto di vista legale"

Alessandro Borghese: "Ho un figlio che non ho mai visto"

In una lunga intervista sul quotidiano la Repubblica, lo chef Alessandro Borghese ha confessato di aver recentemente scoperto di avere un figlio nato nel 2006: "Non l'ho mai visto ma mi occupo di lui dal punto di vista legale".

Al quotidiano diretto da Carlo Verdelli, l'amato conduttore di 4 Ristoranti ha rivelato molti aspetti privati della sua vita personale e sentimentale. Il racconto prende il via dal primo incontro con quella che poi sarebbe diventata sua moglie, Wilma Olivero. I due si sono incontrati per una circostanza fortuita ed è stato amore a prima vista: "Quando ho conosciuto Wilma avevo 32 anni. Lei lavorava in un’azienda che cercava un giovane chef per lanciare un videogioco sulla cucina. Mi chiamò questa signorina Wilma. Dopo sei mesi ci siamo sposati".

"Fu colpo di fulmine. Lei era già fidanzata, si doveva sposare. Ho fatto un ‘furto’", aggiunge divertito Alessandro Borghese. Dal loro matrimonio sono nate due bambine, Arizona e Alexandra. Prima del matrimonio con Wilma, però, il figlio di Barbara Bouchet non aveva avuto relazioni serie ma solo flirt, ed è lui stesso a definirsi ironicamente "sportivo", ripensando a quegli anni. Proprio da queste relazioni fugaci, però, è nato un figlio, di cui solo recentemente lo chef è venuto a conoscenza: "Da poco ho scoperto di avere un altro figlio nato nel 2006".

"Me ne occupo dal punto di vista legale", ha aggiunto Alessandro Borghese mettendo in evidenza come non si sia tirato indietro dai suoi obblighi di padre. Lo chef confessa di non aver mai visto questo bambino e di non possedere neanche una sua foto, ma aggiunge un appello accorato alla madre del figlio: "Mi piacerebbe incontrarlo prima o poi, se me lo permetteranno".

L'intervista a Repubblica è anche l'occasione per sfogarsi su un aspetto che riguarda il suo lavoro: la moda di fotografare i piatti al ristorante, per poi condividere sui social. La risposta di Alessandro Borghese è tranchant: "Che palle! Arriva il piatto, si inizia a fotografare e nel frattempo la salsa si slega, il piatto si fredda...". Secondo lo chef, però, il vero paradosso è che questi clienti poi si lamentano del piatto stesso: "Buono, però è un po’ tiepido". "Grazie al ca...o sei stato cinque minuti a fare foto!", chiosa beffardo il figlio di Barbara Bouchet.

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it su Facebook?

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti