Amadeus dopo Ora o mai più: "Hanno funzionato sia i maestri che gli allievi"

Amadeus parla del successo di Ora o mai più, il programma di Rai1 che sabato scorso ha incoronato vincitore Paolo Vallesi: "Il cast è stato fondamentale"

Sabato scorso è calato il sipario sulla seconda edizione di Ora o mai più, il programma di Rai1 condotto da Amadeus che cerca di riportare in auge i cantanti della musica italiana finiti nel dimenticatoio. Il conduttore ha tracciato un bilancio di Ora o mai più, vinto quest'anno da Paolo Vallesi, in un'intervista a TvBlog. Amadeus aveva intuito che il programma, con il passare delle settimane, stava conquistando il favore del pubblico. Non aveva particolari aspettative sui dati d'ascolto, sapeva di perdere contro C'è posta per te di Maria De Filippi.

Il cast ha avuto un ruolo fondamentale nel successo di Ora o mai più, Amadeus ne è consapevole: "Quando formi un cast di un programma non sai prima se funzionerà oppure no e sono felice di dire che hanno funzionato sia i maestri che gli allievi. Mi ha sorpreso molto Ornella Vanoni. Non pensavo che oltre alla competenza e al suo grande valore artistico, avesse anche un'enorme dose di ironia".

Ornella Vanoni e Toto Cutugno con i loro divertenti siparietti, Marcella Bella e Orietta Berti con le loro frecciatine e Rettore e Donatella Milani con i loro continui litigi hanno contribuito alla riuscita dello show di Rai1 tanto che si parla già di una terza edizione. Amadeus non conferma e non smentisce ma gli fa piacere che circolino queste voci perchè vuol dire che la Rai crede in Ora o mai più.

Amadeus, diventato uno dei volti di punta di Rai1, continuerà a condurre Soliti Ignoti dopo il Tg1 più uno speciale in onda il sabato sera e se dovessero offrirgli il Festival di Sanremo ovviamente non direbbe di no ma vorrebbe avere carta bianca. Sognare non costa nulla!

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.