Checco Zalone all'attacco di Salvini e Di Maio: "Si prendono per il culo da soli"

Intervistato dalla rivista Rolling Stone, Checco Zalone spara a zero sui due vice premier italiani

Checco Zalone all'attacco di Salvini e Di Maio: "Si prendono per il culo da soli"

"Non è più irriverente prendere per il culo Salvini o Di Maio. Già si prendono per il culo da soli". Checco Zalone non usa troppi giri di parole e neanche la sua solita comicità per dare un "giudizio" sulla situazione politica italiana attuale. E lo fa in un'intervista a Rolling Stone per parlare di Moschettieri del Re, il nuovo film di Giovanni Veronesi la cui colonna sonora è firmata con il vero nome del comico barese, Luca Medici.

Ma del suo nuovo film, invece, si sa davvero poco. Quello che è certo è che parlerà di immigrazione. "Con tutta la cattiveria e il fascismo che c'è in giro - dice, precisando che il suo non sarà un film politico -. Ho scritto già due canzoni per il film. Una si chiamerà Se t'immigra dentro il cuore". Ma proprio il tema dell'immigrazione scatena Checco Zalone e lo fa fiondare sui due vice premier.

"Ma questa adesso è una società liquida - aggiunge -. Far ridere prendendo un personaggio in auge ormai è quasi impossibile, più che altro perché i personaggi forti, i leader, si servono dei nostri stessi media e li sentiamo vicini. Per questo non è più irriverente prendere per il culo Salvini o Di Maio. Già si prendono per il culo da soli".

Commenti