"Chiamami col tuo nome" vietato in Tunisia

Il film di Luca Guadagnino, candidato a 4 Oscar, non ha ottenuto il visto di proiezione. Ma non è la prima volta che accade

"La proiezione del film 'Chiamami col tuo nome' è purtroppo annullata, in mancanza di visto operativo. Grazie per la vostra comprensione". Così il Cinéma Le Colisée di Tunisi ha annunciato su Facebook che il film del regista italiano Luca Guadagnino non sarà proiettato in sala.

Il ministero degli Affari Culturali della Tunisia ha infatti rifiutato di rilasciare il visto di proiezione per la pellicola candidata a quattro premi Oscar in programmazione a partire dal 28 febbraio. Secondo i media locali sarebbe stato lo stesso ministero a chiedere alla direzione del cinema di non proiettarlo"per evitare problemi".

I precedenti

Non è la prima volta che un film con tematiche omosessuali viene censurato nel Paese. Anche "La vie d'Adele" del regista franco-tunisino Abdellatif Kechiche nel 2013 e il film documentario tunisino "Upon the shadow" di Nada Mezni Hafaiedh non furono proiettati nelle sale cinematografiche.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

istituto

Mer, 28/02/2018 - 12:37

Hanno fatto benissimo. Non è arte è sdoganamento di un vizio capitale(eufemismo) con il pretesto,dell'arte.

Ritratto di Porceddu

Porceddu

Mer, 28/02/2018 - 14:15

il solito...vizietto, con il minorenne al centro!

petra

Mer, 28/02/2018 - 14:43

Un pò di equilibrio. In occidente è diventato fin troppo facile essere premiati se tratti temi come omosessualità e immigrazione. I registi, cantautori e scrittori lo sanno bene e ne aprofittano. In altre nazioni lo vietano.

Tarantasio

Mer, 28/02/2018 - 16:04

ho appena letto sul corriere l'entusiasta critica al nuovo film con abatantuono 'Puoi baciare lo sposo '' ... è la stessa solfa, evidente che è nato un filone

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 28/02/2018 - 16:35

State sereni,la tunisia è democratica!In arabia saudita,invece,avrebbero tagliato la testa agli attori ed al regista!Salam Allalium!

Cheyenne

Mer, 28/02/2018 - 18:25

questi i risultati delle famigerate "primavere arabe" con Ben Alì non sarebbe successo

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 28/02/2018 - 18:29

Komunisti, non gridate la solita frase contro gli omofobi tunisini? Ah, non sono italiani.