Svaligiata la casa di Chiara Biasi

I ladri si sono introdotti nell'abitazione della fashion blogger approfittando della sua assenza. Dall'appartamento sono spariti orologi, borse di lusso

Svaligiata la casa di Chiara Biasi

I ladri hanno atteso che la popolare influencer uscisse di casa. Probabilmente l'avevano curata per essere certi di andare a colpo sicuro. A quel punto, sono entrati in azione e hanno agito indisturbati. Quello subito la scorsa notte dalla fashion blogger Chiara Biasi è stato un furto da migliaia di euro. I malviventi si sono introdotti nel suo appartamento, al terzo piano di un elegante palazzo di corso Venezia a Milano, e hanno sottratto borse e orologi di valore, mettendo tutto a soqquadro.

Ad accorgersi dell'accaduto è stata la stessa influencer, che su Instagram vanta ben 3 milioni di follower, ai quali racconta la propria vita patinata a colpi di fotografie e video. La 31enne, rincasando poco prima delle 4 di notte, si è immediatamente resa conto che qualcosa non andasse: alcune luci lasciate in funzione al momento della sua uscita, attorno alle 22, risultavano invece spente. Di lì a poco, l'amara sorpresa. I malviventi avevano infatti messo sottosopra le stanze dell’appartamento, facendo razzia di oggetti di valore. Dall'abitazione della Biasi sono spariti cinque orologi di lusso, tra Rolex e Patek Philippe, capi d'abbigliamento, decine di borse e trolley griffati Prada, Gucci e Chanel. Oggetti che la ragazza, ex compagna del calciatore Simone Zaza, possedeva anche in virtù del proprio lavoro nel mondo della moda. Un bottino piuttosto consistente, che dovrebbe aggirarsi attorno ai 100mila euro, sebbene la vittima non lo abbia ancora quantificato con esattezza.

Resasi conto del furto, ancora sotto choc Chiara Biasi ha contattato prima un conoscente per avvisarlo dell'accaduto e poi la polizia. Secondo gli investigatori, i ladri sarebbero entrati da due finestre del salone al terzo piano dell'abitazione milanese e usciti poi da altre finestre non forzate. La porta d'ingresso non riportava invece segni di effrazione. L'appartamento non era provvisto di impianto di allarme né di telecamere di sorveglianza. Una circostanza che ha ulteriormente facilitato il lavoro ai malviventi, i quali hanno avuto diverse ore a disposizione per muoversi senza difficoltà. Al rientro della padrona di casa, naturalmente, i ladri se l'erano già svignata: del loro passaggio non restava che una spiacevolissima ed evidente traccia.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti