Coronavirus in Kentucky: arriva nell'ospedale di The Walking Dead

Il Coronavirus è arrivato ovunque: uno degli ultimi casi è quello registrato in Kentucky, nello stesso ospedale visto in The Walking Dead

Il COVID-19, ormai comunemente noto con il termine di Coronavirus, continua ad essere l'argomento di discussione principale di queste ore, dal momento che non si riesce a fermare in alcun modo la sua corsa al contagio e che, proprio per questo, rischia di mettere in ginocchio la sanità nazionale di ogni paese. Mentre l'Italia viene dichiarata interamente zona rossa, nuovi casi vengono registrati in tutto il mondo, compresi gli Stati Uniti.

L'ultimo caso è stato registrato in Kentucky, all'Harrison Memorial Hospital. Un ospedale che potrebbe essere decisamente noto ai fan più accaniti di una delle serie cult degli ultimi anni, The Walking Dead. A differenza della serie televisiva che vede come protagonisti Andrew Lincoln, nel personaggio di Rick Grimes, e Jeffrey Dean Morgan, in quelli di Negan, i fumetti di Robert Kirkman si svolgono proprio in Kentucky, nello stesso ospedale.

A riportare la notizia è il sito Cleveland, che avrebbe riportato l'intuizione di un utente di Reddit che avrebbe trovato e spiegato la liason tra il fumetto e la realtà. Viene dunque spiegato che in una delle prime tavole di The Walking Dead si vede il protagonista che esce da un ospedale senza sapere che cosa è accaduto durante il tempo che ha passato in coma. Un attimo dopo si avventura fuori, trovandosi faccia a faccia con una città desertica e spettrale.

Nella serie a fumetti, dunque, l'azione si apre proprio nell'Harrison Memorial Hospital, che recentemente ha rilasciato un comunicato stampa ufficiale in cui si legge: "Il 6 Marzo, l'Harrison Memorial Hospital è stato contattato dalla Sanità del Kentucky per un caso positivo di COVID-19, che risulta legato al caso di un paziente precedente dell'Harrison Memorial Hospital di Cynthiana".

La famosa serie televisiva, invece, iniziava ad Atlanta. Naturalmente l'ospedale ha già messo in opera tutte le manovre di sicurezza per far sì che il contagio possa essere ridotto al minimo per salvaguardare la salute di pazienti e medici.

Intanto i fan di The Walking Dead hanno cominciato a riempire la rete della possibilità che il coronavirus sia l'inizio di una possibile e futura epidemia zombie, simile a quella raccontata in The Walking Dead. Solo che, nel fumetto di Robert Kirkman, che si è concluso nel luglio dello scorso anno con l'albo numero 193, l'inizio dell'epidemia è stato spiegato en passant come conseguenza di alcune spore spaziali.

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.