Il dramma di Debora Villa: "Così ho deciso di abortire"

Ospite di Caterina Balivo, l'attrice comica ha svelato di aver abortito all'età di 19 anni, vittima di un amore malato e sbagliato che l'ha fatta molto soffrire

"Nessuno deve colpevolizzare nessuno per le scelte che fa", è l'appello che Debora Villa ha fatto a "Vieni da Me", la trasmissione di Caterina Balivo in onda ogni pomeriggio su Rai Uno. L'attrice comica ha lanciato un messaggio forte, legato alle scelte personali, dopo aver raccontato il dramma vissuto da giovane quando, poco più che maggiorenne, rimase incinta e decise di abortire.

Grazie alla sua innata comicità e ai ruoli divertenti che spesso ricopre, il pubblico è abituato a vedere Debora Villa sotto un aspetto del tutto diverso da quello mostrato nell'ultima puntata di "Vieni da Me". L'attrice, 50 anni, sposata e oggi mamma di una bambina, Lisa, si è invece mostrata senza filtri, scegliendo di ripercorrere insieme a Caterina Balivo la difficile esperienza vissuta quando aveva solo diciotto anni. "Ero innamoratissima di questo ragazzo - ha raccontato Debora Villa - ma mi trattava molto male, era uno stupidotto, avevo 18 anni, mi umiliava tantissimo, si comportava male e sentivo che questa cosa era colpa mia, poi quando lui è andato militare la lontananza ha fatto sì che prendessi le distanze e questo mi ha fatto diventare più lucida perché questo tipo di rapporti creano dipendenza. Insomma pensi di essere tu quella sbagliata, e continui in una storia facendo solo peggio".

Quando la relazione sembrava ormai essere al capolinea, Debora ha confessato però di aver ceduto a un ultimo incontro: "Lui questa cosa che volevo lasciarlo non l’ha digerita. Ha voluto farlo l’ultima volta, non volevo, stavo male, stavamo entrambi male. Quella volta però sono rimasta in incinta". Un figlio arrivato in un momento sbagliato della sua vita, non desiderato e soprattutto avuto con una persona poco affidabile. La Villa ha raccontato così di aver vissuto un momento doloroso di rifiuto della gravidanza, dove il suo corpo "dimagriva a vista d’occhio" e "rifiutava" la situazione, tanto da spingerla a compiere il gesto estremo dell'interruzione di gravidanza: "Non voglio che la gente giudichi le persone che prendono questa strada. Il primo istinto è di protezione e tu devi andare contro questa cosa perché sai che tutto il contesto è sbagliato, non è il momento. Per te, per la persona che potrebbe diventare genitore a sua volta. È stata una cosa bruttissima, allucinante e dolorosa. Ho avuto complicazioni, un piccolo calvario". Una scelta dolorosa che l'ha poi portata alla definitiva rottura con l'altra persona che per anni l'aveva costretta a violenze psicologiche.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

SPADINO

Gio, 05/03/2020 - 15:00

SCELTA DOLOROSA SOPRATTUTTO PER IL BAMBINO UCCISO NEL GREMBO DELLA MADRE. PERCHE' STA' GENTE SENTE IL BISOGNO DI DIRE IN GIRO LE LORO MALEFATTE. VADANO INVECE DA UN SACERDOTE E CHIEDANO PERDONO A DIO. IN TUTTI I CASI LA LEGGE 194 NON PREVEDE ABORTO IN QUESTI CASI. L'ABORTO DELLA SIG.A VILLA E' STATO SOLO UN TRAGICO ATTO DI EGOISMO. QUANTE RAGAZZE MADRI CI SONO AL MONDO, EPPURE NON HANNO UCCISO IL LORO BAMBINO.

SPADINO

Gio, 05/03/2020 - 15:37

AGGIUNGO CHE ORA (ALL'EPOCA FORSE NON C'ERA ANCORA) E' POSSIBILE PORTARE A TERMINE UNA GRAVIDANZA INDESIDERATA E DISCONOSCERE IMMEDIATAMENTE IL BAMBINO IN ASSOLUTO ANONIMATO SENZA BISOGNO DI ABORTIRLO. QUESTA "POSSIBILITA'" FORSE NON E' SUFFICIENTEMENTE CONOSCIUTA ...E SI CONTINUA AD ABORTIRE....COME CONSEGUENZA DI RAPPORTI SESSUALI OCCASONALI NELLE DISCOTECHE IL SABATO SERA.

paolone67

Dom, 08/03/2020 - 18:46

Pensa che momento doloroso deve essere stato per il bambino tolto dal grembo e ucciso...

SPADINO

Mar, 10/03/2020 - 17:39

perché non togliete questo articolo? volete santificarla?

TitoPullo

Mer, 11/03/2020 - 12:41

Usare "nefandezze" per avere visibilità aggiunge squallore allo squallore!!Attrice comica??? Penosa!!!