"Diffamazione aggravata", i Muccioli querelano Netflix per serie "SanPa"

I figli di Vincenzo Muccioli, fondatore di San Patrignano, porteranno in tribunale il colosso statunitense per aver diffamato la memoria del padre. Al centro della disputa le allusioni sulla morte e sulla presunta omosessualità di Muccioli

"Diffamazione aggravata", i Muccioli querelano Netflix per serie "SanPa"

Doveva essere un omaggio e invece è finito nel peggiore dei modi: in tribunale. Gli eredi del fondatore della comunità di San Patrignano, Andrea e Giacomo Muccioli, hanno querelato per diffamazione aggravata la società Netflix che ha prodotto la serie televisiva "SanPa - Luci e tenebre di San Patrignano".

La docuserie in cinque puntate - uscita sulla popolare piattaforma di streaming Netflix a novembre 2020 - ripercorre la storia della comunità e il lavoro di Vincenzo Muccioli, fondatore di San Patrignano, attraverso interviste e immagini di archivio. Un racconto tra luci ed ombre sulla controversa figura del suo patron e sui metodi seguiti all'interno della comunità per la riabilitazione dei tossicodipendenti. La serie ha scalato in pochi giorni le classifiche dei più visti su Netflix, diventando un vero e proprio caso e scatenando le prime polemiche. La comunità di San Patrignano, subito dopo l'uscita dalle serie, ha parlato infatti di un "racconto tendenzioso e parziale" e di "spettacolarizzazione e drammatizzazione" della storia.

A colpire maggiormente sono state le scene dalle celle di isolamento, dalle catene che venivano usate per punire i ragazzi che tentavano la fuga e la storia dell'omicidio di Roberto Maranzano. Dopo le prime due puntate incentrate sull'impegno e su Vincenzo Muccioli, la docuserie - nella quale compare anche Andrea Muccioli, che oggi accusa Netflix di aver realizzato un racconto imparziale - ha virato sulle vicissitudini giudiziarie del patron e della comunità con un taglio decisamente più cupo e "crime".

Un racconto che, secondo Andrea e Giacomo Muccioli, ha gettato un'ombra sulla figura del padre, descritto come violento e misogino e "diffamato" da una trasposizione televisiva considerata dai figli "distorta". Per questo gli eredi di Muccioli, attraverso il loro legale Alessandro Catrani, hanno deciso di querelare la società Netflix. La notizia è stata data in anteprima dal Corriere Romagna e poi confermata all'agenzia di stampa AGI dall'avvocato Catrani. La querela è stata presentata ai carabinieri negli scorsi giorni ed è arrivata sui tavoli della procura della Repubblica. Oltre a difendere la memoria del padre, Andrea e Giacomo Muccioli denunciano le allusioni ritenute tendenziose e diffamatorie sulla presunta morte per Aids di Vincenzo Muccioli da ricondurre ad una presunta omosessualità. Per questo saranno valutati anche eventuali profili di responsabilità relativi alla privacy.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento