Elisabetta Canalis si commuove per il papà: "L'ho scoperto da grande"

In un'intervista concessa a Domenica in, Elisabetta Canalis si è raccontata a ruota libera su vita privata e carriera

Il 15 dicembre è stata trasmessa la nuova puntata di Domenica in. Il nuovo appuntamento tv del talk-show targato Rai e condotto da Mara Venier ha visto presentarsi - in qualità di ospite- in studio Elisabetta Canalis. Attrice, modella, showgirl italiana naturalizzata statunitense, ancora oggi viene ricordata per aver coperto il ruolo di velina mora per il tg satirico di Antonio Ricci, Striscia la notizia. E alla "zia d'Italia", la Canalis ha concesso un'esclusiva intervista, nel corso della quale ha ripercorso i momenti salienti della carriera e anche della sua vita privata.

Dalla regia del programma è stato trasmesso un rvm contenente le immagini dei traguardi più importanti raggiunti nel mondo dello showbiz, al termine del quale Elisabetta ha voluto ringraziare proprio Antonio Ricci:"Devo tutto a lui, senza di lui, non sarei qui ora". Ora, la showgirl originaria di Sassari e classe 1978 è - a tempo pieno - moglie del chirurgo Brian Perri con cui convolava a nozze nel 2014 e mamma di Skyler Eva, nata nel 2015 a Los Angeles, dove risiede il trio familiare."Sto benissimo, forse sono nella terza parte nella mia vita -ha confidato nella sua intervista, l'ex velina-. La mia unica preoccupazione è quella di rimanere in contatto con mia madre, che è rimasta da sola qui in Italia. Lei viene a Los Angeles, anche se per lei è difficile venirci, perché lì è venuto a mancare mio padre".

Incalzata dalle domande della Venier sulla sfera affettiva, Elisabetta ha chiesto, implicitamente, alla conduttrice di non nominare il suo storico ex, George Clooney, con cui l'ex velina mora di Striscia la notizia ha avuto una love-story dal 2009 al 2011."È un elefante nella stanza!", ha , infatti, dichiarato l'intervistata sull'innominato divo hollywoodiano. Sul conto della sua dolce metà, invece, Elisabetta ha sottolineato di essergli legata soprattutto per le sue qualità umane: "Lui è una persona diversa dalle altre. A livello di lealtà, a livello di principi. Non ci si può innamorare di una persona solo perché all'inizio c'è un'attrazione fortissima. Ci sono delle cose che per me sono importantissime".

Ad un certo punto la Venier ha chiesto alla regia di mandare in onda un rvm, di cui Elisabetta è protagonista insieme al compianto padre, il quale è venuto a mancare di recente. "Come spesso accade ai figli, io ho scoperto mio padre da grande - ha confidato visibilmente provata, l'intervistata, riuscendo a tenere a freno la commozione-, forse qualche anno prima che venisse a mancare. Non lo capivo prima, era un uomo di altri tempi. Era un uomo di poche parole, che aveva difficoltà ad esprimere i propri sentimenti. Quando ho visto mio padre invecchiare, indebolirsi, ammalarsi, ho visto le sue fragilità"."Forse era anaffettivo?", chiede la Venier alla Canalis. E, di tutta risposta, l'ex velina ammette che il rapporto con il padre sarebbe potuto essere diverso, magari, se lei avesse provato a cambiarlo in tempo, per poi non riuscire a trattenere le lacrime: "Lui era della generazione del dopoguerra. Una generazione forse non affettuosissima, però io so che mio padre mi ha amata tantissimo. Lui è venuto in vacanza, prima di Natale, ha avuto un ictus a casa mia. La cosa che forse ha unito me e mio padre è stato forse il momento della sua morte. Mi sono addormentata accanto a lui... finché sono entrati a dirmi che non c'era più".

Elisabetta Canalis tra lo showbiz e la vita comune

L'ospite in studio, che nel 2011 copriva il ruolo di valletta al fianco di Belen Rodriguez per il Festival di Sanremo, ha fatto sapere di aver tracciato un bilancio della sua carriera non appena è giunta ai 16 anni dall'inizio del suo lavoro nel mondo dello spettacolo. "Ho sempre pensato che avrei anche potuto farne a meno -ha dichiarato Elisabetta Canalis, parlando del suo ruolo di showgirl e dei cambiamenti avvenuti di recente, nella sua vita-. Ho scelto io di andare a vivere negli Stati Uniti, però questo non significa che sia facile. Tutto è diverso, come per i tantissimi italiani che sposano uno straniero. Io dico sempre, che se avessi incontrato mio marito due anni prima, probabilmente non ci saremmo mai parlati. Tutto avviene al momento giusto".

Segui già la pagina di gossip de Il giornale?