Fabio Fazio: "Se un ministro ti nomina 100 volte qualcosa non va"

Il conduttore torna al timone di "Che tempo che fa" dal 29 settembre, stavolta su Rai Due. Un trasloco tra le polemiche dopo i ripetuti attacchi sul suo compenso, aggressioni per strada e mancanza di comunicazione con i vertici della Rete ammiraglia Rai

Ripartire da Rai Due. Fabio Fazio e tutta la ciurma di “Che tempo che fa” hanno già fatto il trasloco dalla Rete ammiraglia Rai al canale diretto da Carlo Freccero. È tutto pronto per la partenza della diciassettesima edizione del talk dal 29 settembre. Tra le novità del programma l'anticipazione di un'ora – prima del Tg2 - con Fazio assieme a Mago Forest che giocherà con il pubblico in studio e alcuni ospiti, aiutati da Ale & Franz, poi dopo il tg due interviste, Luciana Littizzetto, una intervista dedicata al libro della settimana e un tavolo ridotto da 90 minuti a 40 con Gigi Marzullo, Nino Frassica fissi e poi con la partecipazione di Raul Cremona.

Il conduttore è stato al centro di polemiche politiche per il suo compenso che, come riporta 'Il Venerdì' di Repubblica, prevede 2.240 milioni di euro lordi l'anno per un contratto quadriennale più il diritto d'autore e i guadagni di Officina la società in compartecipazione con Magnolia che lo produce. Oggi con un sorriso sulla labbra Fazio commenta: “Non voglio fare il vittimista ma quando un ministro ti nomina oltre cento volte qualcosa non va. E fa effetto che nessuno sia andato a vedere quanto guadagnano gli artisti nelle altre televisioni”.

Un anno difficile per stessa ammissione di Fazio che ha anche subito una aggressione in strada e non ha mai avuto la possibilità, come confessa nell'intervista, di interloquire con la direttrice di Rai Uno Teresa De Santis non avendo nemmeno il suo numero di telefono. I due si sarebbero incontrati solo una volta negli studi per dieci minuti. Ma in questo momento non c'è nessun rimpianto né astio per lo slittamento da Rai Uno a Rai Due. “Non lo considero punitivo – dice Fazio - anche perché avrei potuto oppormi, come da contratto, ma lavorare con Carlo Freccero è un grande privilegio: ci occupiamo di prodotto, parliamo di televisione, Rai Uno vuol rimettere la fiction al mio posto? Niente da dire. Non ha senso restare in un ambiente che ti considera un problema e non una risorsa”.

Segui già la nuova pagina pop de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cgf

Ven, 27/09/2019 - 09:32

prova a pensare ai tuoi compagni allora che nominano sempre Salvini, e prima Berlusconi. CMQ qualcosa che non va c'è eccome, il tuo IMMERITATO stipendio ad esempio

frapito

Ven, 27/09/2019 - 09:37

Forse perché sei la nullità più pagata del pianeta. Un riferimento mondiale dello spreco assurdo del denaro pubblico. Ma Greta lo sa quanto sei inquinante?

Ritratto di pipporm

pipporm

Ven, 27/09/2019 - 09:48

Salvini si attacca sempre a qualcosa per la sua propaganda. Ora regala merendine a chi va ad ascoltarlo e la direttora di RAI1 tra poco anche lei dovrà traslocare con tutti gli ascolti in discesa dove presenti gli amici di Capitan Findus.

Ritratto di giovinap

giovinap

Ven, 27/09/2019 - 09:50

... certo che c'è qualcosa che non va! è che avete aggirato la legge" del 1º maggio 2014 sul limite massimo retributivo riferito al primo presidente della corte di cassazione previsto dagli articoli 23-bis e 23-ter del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, e successive modificazioni e integrazioni, è fissato in euro 240.000 annui“ e a te sarà difficile dimostrare che vali quando un presidente di corte di cassazione! per ciò il tuo programma dovrà essere prodotto dalla rai e se riesci a dimostrare che dai un servizio pari e uguale a un presidente di corte di cassazione(?!) potrai essere pagato con quella cifra, ma ne dubito fortemente!

oracolodidelfo

Ven, 27/09/2019 - 10:29

Fazio, guarda che se non ti nomini tu.....non ti nomina e sopratutto non ti considera nessuno!

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Ven, 27/09/2019 - 11:15

Incredibilmente il Fabius televisivo, almeno in questa circostanza, ha ragione. Il 'dono di Dio', ovvero il Matteo barbaro, non l'altro, quello amante degl'intrallazzi, farebbe meglio a concentrarsi nelle dure battaglie campali che inizieranno con il tentativo di conquista dell'Umbria prima ancora di procedere, a gennaio, con l'avanzata barbarica delle sue truppe verso l'Emilia Romagna. Ecco che il Matteo barbaro ha il dovere ontico-fenomenico di tramutarsi in una sorta di 'flagello di Dio'. Anche perché, nominando più volte il Fabius televisivo, si dà un minimo di importanza a qualcuno che, teoricamente, non potrebbe e dovrebbe averne se stessimo in un regime in cui ogni cosa funzionasse come la logica solitamente impone.

villiam

Ven, 27/09/2019 - 11:17

certo che c'è qualcosa che non va tu tu tu !!!!!!

Duka

Ven, 27/09/2019 - 11:41

STIPENDIO semplicemente V E R G O G N O S O pagato da tutti gli italiani: DANARO PUBBLICO.

Calmapiatta

Ven, 27/09/2019 - 12:17

La sx ha l'esigenza di crear nemici. Sono stati molti nel passato e, ultimamente, sono entrati nel novero anche Berlusca e Salvini. Il parito di riferimento della sx, il PD, che non ha più alcuna connotazione ideale o un senso sociale e storico, si agrappa ai "nemici" per sopravvivere. Così, aa claque degli azzerbinati "intellettuali" nostrani, tutti rigorosamente benestanti, se non ricchi, indossando le paludate vesti dei crociatisono pronti a condannare, su ordine, chiunque entri nel mirino. In Italia, in tal modo, una minoranza, che occupa però tutti i gangli del potere, impone il prorpio pensiero unico non accettando alcuna libera interpretazione.

Ritratto di saggezza

saggezza

Ven, 27/09/2019 - 12:29

Non credo. Ma se lo fosse sarà perché un operaio è 100 volte inc...to sapendo che prendi 100 volte il suo stipendio. Salvini parla per conto dell’operaio.

gabrieleliga

Ven, 27/09/2019 - 12:40

Quando questo signore (rimarco con s minuscola voluta)dice che nessuno è andato a vedere i compensi delle altre TV dimentica che dove lavora Lui è un servizi pubblico che Io pago e che non condivido quello che Lui Mi propina.

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Ven, 27/09/2019 - 12:41

"Non esistono piccole parti ma piccoli attori": chi è un fuoriclasse lo dimostrerà in ogni circostanza. Sig. Fazio, come diceva il Poeta "Non ti curar di loro ma guarda e passa".

baronemanfredri...

Ven, 27/09/2019 - 12:53

Il problema sei tu ed è grosso il PROBLEMA

Ritratto di marione1944

marione1944

Ven, 27/09/2019 - 13:33

Si, sei tu che non vai.

Ritratto di marione1944

marione1944

Ven, 27/09/2019 - 13:38

stamicchia: giusto, ma i piccoli attori non percepiscono denaro pubblico a quei livelli, normalmente sono pagati di tasca della regia e, ripeto, non con denaro pubblico.

Malacappa

Ven, 27/09/2019 - 13:51

Sei tu quello che non va

Capricorno29

Ven, 27/09/2019 - 14:18

Poverino mi fai quasi pena..se la smetteste voi di nominare Salvini sarebbe meglio..Ha ragione per un programma televisivo che non mi piace per niente vengono utilizzati un sacco di soldi degli italiani vai anche tu a lavorare nel privato e poi vediamo se ti comporti un po' meglio

zen39

Ven, 27/09/2019 - 15:32

La Rai deve spiegare il motivo di uno stipendio così elevato rispetto ad altri presentatori. L'indice di ascolto non è sufficiente. Qualche raccoamndazione di tipo occulto ? Di solito l'appartenenza a quache setta provova certe disparità; comunque qualcuno indaghi. Per il resto a me non frega niente tanto non lo vedo mai.

Ritratto di aresfin

aresfin

Ven, 27/09/2019 - 16:31

Guardati allo specchio e poi domandati "cosa non va"? Povero e inutile persona.

occhiotv

Ven, 27/09/2019 - 16:49

Guarda che non è solo Salvini che ti nomina, siamo la meggior parte degli italiani che non sopportano che tu faccia la bella vita con i nostri soldi del canone.