Il fratello di Federico Zampaglione resta in carcere per tentata rapina aggravata in una banca

Secondo quanto riportato dagli inquirenti, Francesco Zampaglione avrebbe compiuto un tentativo di rapina in banca perché sospinto dalla disperazione, presumibilmente provocata da una situazione economico-finanziaria difficile

Il fratello di Federico Zampaglione resta in carcere per tentata rapina aggravata in una banca

Nelle ultime ore circola ovunque in rete la notizia che vede Francesco Zampaglione protagonista di un caso di cronaca, per un tentativo di rapina avvenuto in una banca nella capitale. Il fratello di Federico Zampaglione, il famoso leader del gruppo italiano Tiromancino, è stato arrestato lo scorso giovedì pomeriggio dopo aver avuto accesso in una banca capitolina, con il volto coperto e in possesso di una pistola a piombini. E nella giornata di oggi, secondo quanto è stato riportato da Il fatto quotidiano, il giudice per le indagini preliminari Clementina Forleo, al termine dell'udienza tenutasi presso il carcere di Regina Coeli, ha convalidato il fermo, confermando le accuse di tentata rapina aggravata e lesioni nei confronti del cassiere della Banca Intesa di circonvallazione Gianicolense, e ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Francesco avrebbe a quanto pare voluto svaligiare le casse della banca capitolina, ma le ha trovate vuote, in attesa che fossero riempite all’apertura della cassaforte a tempo.

Stando a quanto è stato riferito dagli inquirenti, il gesto estremo di Francesco potrebbe essere stato dettato da una situazione economico-finanziaria difficile e non si esclude che l'arrestato possa aver tentato la rapina sotto l'effetto di sostanze stupefacenti. Secondo la ricostruzione del caso fornita dalla polizia, Francesco Zampaglione ha tentato la rapina presso la filiale sita a Roma, minacciando alcuni dipendenti con una pistola, rivelatasi un'arma-giocattolo. Francesco sarebbe stato messo in fuga dal cassiere della Banca Intesa di circonvallazione Gianicolense e poi fermato dagli agenti in una strada limitrofa alla filiale in cui si è consumato il tanto discusso tentativo di rapina. Prima di fuggire dalla filiale di Circonvallazione Gianicolense, Zampaglione avrebbe anche morso il cassiere a un braccio. E, durante la sua fuga, il fratello 49enne dell'ex marito di Claudia Gerini si sarebbe cambiato la maglietta, tentando così di non farsi riconoscere. Ma un passante lo avrebbe seguito durante la fuga, segnalando il tutto in una telefonata al 112. E una volta trovato dagli agenti, Francesco non avrebbe opposto resistenza.

Ma non è la prima volta che Francesco Zampaglione diventa protagonista di un caso mediatico. Il 49enne è noto per aver preso parte al progetto del gruppo musicale Tiromancino, il cui fondatore è il fratello di Francesco, Federico Zampaglione. Francesco ha co-composto musica e testi per gli album Alone Alieno e Rosa Spinto e nel 2000 è diventato fautore de La descrizione di un attimo. Ma il rapporto tra i fratelli Zampaglione non è mai stato idilliaco. Nel 2015, infatti, proprio Francesco faceva sapere di aver litigato con Federico, in un post pubblicato in rete: "Purtroppo, dopo l’ennesima lite furibonda tra me e mio fratello Federico, mi trovo a dover rinunciare mio malgrado al proseguimento del Tour". Dalla lite ne conseguì l'addio di Francesco ai Tiromancino.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti