Gabriele Salvatores annuncia un film sull'Italia in quarantena

Il regista vuole ripetere l'operazione di "Italy in a Day": raccontare la vita degli italiani costretti a casa raccogliendo materiali girati con i cellulari o postati sui social

Un viaggio in Italia da nord a sud, "ma stando fermi e soprattutto a casa": è questo l'obiettivo di Gabriele Salvatores con Viaggio in Italia, un film che vuole restituire sullo schermo la quarantena che stiamo affrontando. Il regista lancia l'idea su Instagram: ripetere l'operazione di Italy in a Day, stavolta con un film collettivo "che racconta della crisi che stiamo vivendo vista dagli occhi e dagli smartphone degli italiani".

Il progetto sarà prodotto da Indiana Production insieme a Rai Cinema e sarà composto dai filmati che restituiranno le difficoltà enormi e le tragedie, ma anche le piccole gioie, le aspettative per il futuro e i vuoti delle tante ore trascorse tra le mura domestiche nei diversi contributi amatoriali. Si potrà raccontare di tutto, dai sentimenti provati in questa situazione d'emergenza a quello che si vede dalle finestre, da come si passa il proprio tempo a come l'epidemia del coronavirus ha cambiato la nostra quotidianità e le nostre abitudini più radicate.

"A girare questo film – si legge nel post lanciato sui social – sarete voi con le vostre fotocamere. Facciamo un viaggio in Italia stando a casa! Raccontateci quello che state vivendo, cosa vi rende felici, quali sono le vostre paure e cosa vi aspettate dal futuro".

Gabriele Salvatores: "Volete essere i miei occhi?"

Partecipare è molto semplice: basta girare un video, caricarlo sul proprio profilo Instagram taggando la pagina Viaggio in Italia e aggiungendo gli hashtag #viaggioinitaliailfilm e #raicinema, oppure mandarlo via mail all'indirizzo di posta elettronica cinema@indianaproduction.com. Gli autori dei video selezionati saranno ricontattati dalla produzione: ovviamente vengono accettati soltanto i video girati dentro casa nel rispetto dei decreti in vigore.

"Sono Gabriele Salvatores – dice il regista Premio Oscar nella clip di presentazione – e faccio il regista. Questo è quello che vedo dalla mia finestra sulla collina".

Non è la prima volta che Salvatores affronta una sfida di questo tipo. Il regista di Mediterraneo e di tanti altri film di successo ha già diretto Italy in a Day nel 2014, l'edizione italiana di un progetto di Ridley Scott. Sempre con Indiana, ha chiesto agli italiani di inviare dei video girati con qualsiasi mezzo (telecamere, smartphone, fotocamere) da girare durante le 24 ore del 26 ottobre 2013. Salvatores e una squadra di 40 collaboratori, coordinati da Massimo Fiocchi e Chiara Griziotti, hanno poi selezionato 632 video e montato oltre 2200 ore di immagini in un "diario emotivo", una sorta di "social movie" dell'Italia 2.0. Un esperimento ancora più necessario oggi che le nostre città sono vuote e la popolazione vive in quarantena.

Con il regista Gabriele Salvatores stiamo realizzando Viaggio in Italia, un film collettivo che racconta della crisi che stiamo vivendo vista dagli occhi e dagli smartphone degli italiani. A girare questo film sarete voi con le vostre fotocamere. Facciamo un viaggio in Italia stando a casa! Raccontateci quello che state vivendo, cosa vi rende felici, quali sono le vostre paure e cosa vi aspettate dal futuro. Partecipare è semplice: Girate un video Caricate il video sul vostro profilo Instagram Taggate la pagina @viaggioinitaliailfilm Aggiungete gli hashtag #viaggioinitaliailfilm e #raicinema Oppure mandatecelo via mail all’indirizzo viaggioinitalia@indianaproduction.com Gli autori dei video selezionati saranno ricontattati dalla produzione. Saranno accettati solo video girati dentro casa nel rispetto dei decreti in vigore #viaggioinitaliailfilm #raicinema #iorestoacasa

Un post condiviso da Viaggio in Italia (@viaggioinitaliailfilm) in data:

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.