Gerusalemme, dai poster di Hunger Games ​sparisce la protagonista

In due città israeliane l'immagine della Lawrence tolta dalle locandine. Il motivo? La comunità ortodossa

Jennifer Lawrence sulla locandina di Hunger Games
Jennifer Lawrence sulla locandina di Hunger Games

La protagonista, in Hunger Games, è evidentemente una donna. È Jennifer Lawrence, nella saga Katniss Everdeen, il personaggio principale della trilogia (quadrilogia, al cinema) ambientata in un futuro di ribellione contro un potere centrale che soggioga i distretti dello Stato di Panem.

Bella, valorosa e armata di arco e frecce, la Lawrence compare sulle locandine del film, avvolta dalle fiamme - un dettaglio legato alla trama della storia -, ma non ovunque. In Israele, e per la precisione a Gerusalemme e nella città costiera di Bnei Brak, una polemica è sorta per la decisione di affiggere per le strade una versione riveduta e corretta del poster.

"Abbiamo constatato che i poster con immagini di donne a Gerusalemme vengono spesso strappati - ha spiegato al sito Ynet un rappresentante della società che si occupa di pubblicizzare il film - e a Bnei Brak i poster con immagini femminili non sono permessi".

La ragione, almeno nella città costiera, è che vi abita una comunità ultra-ortodossa piuttosto numerosa, spiega il quotidiano israeliano Haaretz, che non vede di buon occhio quelle immagini che potrebbero "incitare i sentimenti" degli abitanti della città.

Diversa la questione a Gerusalemme. In città un divieto ufficiale non esiste, ma in quei quartieri dove la presenza ortodossa è più numerosa si è preferito cautelarsi. Non senza polemiche.

Commenti