Intrigo a Buckingham Palace: "William e Carlo hanno usato Epstein per liberarsi di Harry e Meghan"

Ancora una volta un libro rivela un presunto scandalo a corte, o meglio, un vero e proprio intrigo ordito dal principe Carlo e dal principe William per liberarsi di due personaggi scomodi, Harry e Meghan

Non bastavano la biografia dei Sussex “Finding Freedom” che vuole raccontare l’origine della Megxit, il nuovo libro di Lady Colin Campbell che dipinge un ritratto impietoso di Harry e Meghan e l’ultima opera di Robert Lacey sulla presunta guerra tra William e Harry. Tutti volumi che promettono rivelazioni sorprendenti e che verranno pubblicati a breve. Ora spunta un'altra pubblicazione che, a quanto pare, si concentrerà su un vero e proprio intrigo alla corte inglese. Una vicenda finora oscura che vedrebbe nel ruolo di vittime i Sussex e sembra somigliare sempre di più alle congiure di palazzo in stile Re Sole, o Palazzo del Topkapi. Il libro in questione, firmato da Nigel Cawthorne, si intitola “Prince Andrew, Epstein and The Palace” ed è già disponibile online.

Il Daily Mail ricostruisce la “trama” sconvolgente di quest’opera, secondo la quale Buckingham Palace sarebbe diviso in due fazioni. La prima e più potente guidata dal principe Carlo e dal principe William, la seconda dal principe Andrea e dal principe Harry. Uno scontro per il potere che si sarebbe già svolto e vedrebbe vincitori proprio il duca di Cambridge e suo padre. Cawthorne ha dichiarato nel libro: “La fazione Carlo-William a palazzo è apparentemente in una inarrestabile ascesa”. Secondo lo scrittore il “partito” degli eredi avrebbe sferrato il colpo di grazia subito dopo la terrificante intervista alla BBC del duca di York, avvenuta nel novembre 2019.

Ricorderete che il principe Andrea aveva voluto esporsi per tentare di giustificare il suo rapporto con Epstein e proteggersi dallo scandalo che ne era derivato. Il piano per tirarsi fuori dalle sabbie mobili aveva però avuto effetto contrario. In questo frangente sarebbero entrati in gioco i principi William e Carlo, decisi a “liberarsi” del controverso Andrea. Il duca di York sarebbe da sempre il figlio preferito della regina Elisabetta, dunque, almeno in teoria, al riparo da qualunque tentativo di defenestrazione. Lo scandalo Epstein, però, era impossibile da nascondere, difficile da gestire, tanto che ancora oggi, a distanza di mesi, il principe Andrea ne è invischiato fino al collo. Sfruttando questa irripetibile occasione William e Carlo sarebbero riusciti a ottenere il ritiro a vita privata dell’ingombrante parente. Fuori uno.

L’intera faccenda scabrosa avrebbe offerto anche un altro, inaspettato appiglio per gli eredi al trono, al fine di accelerare il processo della Megxit. Secondo Cawthorne già da tempo il principe Harry scalpitava per ottenere la sua indipendenza, sostenuto dalla moglie. La coppia avrebbe progettato per mesi la partenza irrevocabile da Londra. Il post Instagram con cui i Sussex annunciavano la “ritirata” dai doveri di corte lo scorso gennaio sarebbe stato solo l’ultimo atto di una battaglia sotterranea e silenziosa. Pare che il principe William e il principe di Galles meditassero sul modo più adeguato e rapido per mettere in un angolo i duchi riottosi e il polverone Epstein avrebbe offerto loro il pretesto perfetto per agire indisturbati. La fazione dei principi ereditari avrebbe usato la débâcle dell’intervista per intraprendere una crociata personale contro i Sussex.

I riflettori erano puntati sul duca di York, quale migliore occasione? Del resto l’atteggiamento di Harry e Meghan aveva messo in imbarazzo la regina fin troppe volte. Bisognava difendere la casa reale e la monarchia a tutti i costi, anche se ciò significava "sacrificare" i Sussex. Cawthorne spiega così la presunta congiura: “I due eredi hanno trovato una causa comune nel fatto che l’ingombrante monarchia dovesse ridursi, a cominciare dagli indipendenti Andrea e Harry” e ha aggiunto: “Il colpo iniziale fu l’intervista alla BBC di Andrea. La fazione di Carlo a palazzo vide chiaramente che questa creava l’opportunità di rimuovere non solo Andrea, ma anche Harry dai doveri reali”. Lo scrittore puntualizza che nella storia reale inglese non era mai accaduto che qualcuno riuscisse a liberarsi in un colpo solo di due membri di spicco della royal family. Inoltre se ci pensiamo bene le prime voci di una possibile Megxit iniziarono a circolare proprio nel novembre 2019, nei giorni della sciagurata intervista del duca di York.

Per ora il Palazzo Reale non commenta, ma sarebbe interessante conoscere le prove su cui si basa l’opera di Cawthorne. L’autore fa delle affermazioni molto forti su cui è importante mantenere l’imparzialità. I Sussex, in particolare il principe Harry, sarebbero state delle pedine nelle mani di William e del principe Carlo. Un fratello contro un altro fratello e il suo stesso padre. La Storia è piena di eventi come questo, ma la notizia sarebbe in contraddizione con ciò che dice ad US Weekly una fonte, la quale svela che William avrebbe “il cuore spezzato” dal trasferimento di Harry e che “non ne può più di tutta la vicenda. Ha cercato di capire i motivi che hanno spinto il fratello a tagliare i legami con ogni aspetto della sua vita inglese, ma non è facile”. Il duca di Cambridge, poi, temerebbe per l’incolumità del fratello ora che gli Stati Uniti sono scossi dalle proteste antirazziste. Vorrebbe che i Sussex tornassero a Londra. Dov’è la verità?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.