Isola dei Famosi, Karina Cascella: "Monte potrebbe essere il figlio della Henger"

Anche Karina Cascella sta dalla parte di Francesco Monte per quanto riguarda il presunto consumo di marijuana all'Isola dei Famosi: "Lui è solo una vittima"

Dopo il caso del presunto consumo di marijuana da parte di Francesco Monte all'Isola dei Famosi, sono tanti i personaggi del mondo dello spettacolo che si sono schierati dalla parte dell'ex tronista di Uomini e Donne.

Anzi, forse sarebbe più corretto dire che quasi tutti i vip stanno con Francesco Monte. E tra questi c'è anche l'opinionista Karina Cascella. Nel corso di un’intervista andata in onda all’interno del format Ultime dall’Isola, in onda su La5, ha fatto sapere di ritenere che quello di Eva Henger sia un accanimento poco carino se considerata la differenza d’età tra i due.

"Io sono assolutamente dalla parte di Francesco Monte - ha detto Karina Cascella -. Sarei felice se avesse una nuova opportunità e andasse in Honduras anche per fare una sorpresa a Paola Di Benedetto. Credo che in tutta questa storia sia solo una vittima. A me non interessa nemmeno, a un certo punto, se lui ha fumato oppure no, non trovo proprio carino l’accanimento di Eva Henger nei suoi confronti perché potrebbe essere suo figlio, lo trovo poco d’esempio anche per gli altri".

L'opinionista, poi, si butta anche sugli altri naufraghi dell'Isola, in particolare sullo scontro tra Rosa Perrotta e Alessia Mancini. Karina si schiera a favore di quest’ultima: "A me piace molto Alessia, è una donna forte, ha tantissimo carattere. Rosa invece la trovo un pochino arrogante e saccente, soprattutto per il modo in cui si pone verso le persone un po’ più adulte. Secondo me verso Alessia dovrebbe avere un po’ più di rispetto, ma non solo per una questione di età, proprio per una questione di esperienza diversa rispetto alla sua".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.