Marcello Foa sul Festival: "Amadeus è rassicurante"

Ora è Marcello Foa che prende la parola e rivela cosa ha funzionato in questa edizione numero 70 del festival di Sanremo

Tempo di bilanci? A poche ore dalla finalissima del festival di Sanremo, Marcello Foa (Presidente Rai) si sbottona su quanto accaduto durante l’edizione numero 70 della kermesse canora. Questo è stato sicuramente il Festival delle polemiche social, delle performance extralarge, ma come sempre ha vinto la musica e tutta la nostra italianità.

In un breafing con tutta la stampa accredita, Marcello Foa ha tessuto le lodi di Amadeus e ha spezzato anche una lancia a favore delle presentatrici. "Amadeus è molto bravo. È un conduttore rassicurante. E vorrei dire che il merito va dato a Teresa De Santis, che in queste ore è stata un po' dimenticata nel flusso delle notizie del festival – esordisce -. Però oggettivamente la scelta di Amadeus è stata sua. Lei l'ha voluto già dalla scorsa primavera. Ha creduto nelle sue capacità ed ha avuto ragione. Ed è giusto che chi ha impostato questa edizione, senza nulla togliere a Coletta che è stato molto bravo a gestire le conferenze stampa del festival, se ne deve prenda anche i meriti". Infatti nonostante tutto, Amadeus è stata una valida scelta per la kermesse che ha regalato il giusto vigore all’edizione del 2020. "È nazional popolare, lo è da sempre, non è divisivo ", aggiunge Foa.

"Un aspetto che mi preme molto sottolineare è che, in un'azienda che spesso è al centro di polemiche e attenzioni politiche e mediatiche come sappiamo tutti, in questa occasione, dietro le quinte, dà il meglio di sé – afferma il presidente -. L'Ariston, com'è noto, è il posto meno indicato dal punto logistico per gestire un evento del genere e noi ci riusciamo sempre e io rimango ogni volta ammirato dal lavoro delle squadre Rai che compiono un miracolo e danno prova di una grande capacità. La regia è stata perfetta, la scenografia bellissima ma dietro ha funzionato tutto a meraviglia".

E continuano le lodi per un’edizione che ha funzionato anche e soprattutto il termini di ascolti."In queste cinque serate l'Italia si è ritrovata col sorriso. Sono molto contento del successo di questa 70sima edizione del Festival, che assumeva un valore particolare perché le ricorrenze tonde hanno una valenza tutta loro – aggiunge -. L'auspicio era che portasse svago e spensieratezza e mi pare che i dati di ascolti siano eloquenti. Le cifre sono impressionanti ed è merito di Amadeus oltre che di Fiorello che è stato il mattatore, c'è stato un mix ben riuscito tra intrattenimento puro e canzoni".

Si apre poi una parentesi sull’intervento di Rula Jebreal nella prima serata del Festival di Sanremo 2020. "È stato molto toccante. La denuncia della violenza alle donne mi vede in prima fila, quel messaggio è stato poi reiterato in diversi passaggi ed è unificante – rivela Marcello Foa - C'è fortissima sensibilità trasversale che è una forma di civiltà nel nostro Paese. Sarò sempre in prima fila e la Rai farà il suo compito, perchè è messaggio da servizio pubblico e di impegno civile. Bene Jebreal a fare il suo intervento su questo tema". E sulle critiche: "Nessuno voleva un Festival dilaniato da polemiche divisive. Come presidente mi premeva che il Festival andasse a buon fine, e che anche la finale oggi sia all'insegna dello svago e con lo spirito che gli italiani intendono apprezzare". E ora grande attesa per l’ultima puntata.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.