Paris Hilton non più solo ereditiera. Il piano B è un’app beauty

La ricca ex ereditiera investe in The Glam App, un’applicazione di bellezza on-demand che fornisce servizi a domicilio

Milionaria, bionda, sexy ma soprattutto una pink girl - oltre che felicemente single. Torniamo a parlare di Paris Hilton, la giovane ereditiera famosa per la sua ossessione per eventi mondani e bella vita. Sempre al centro dell’attenzione, circondata da fotografi e giovani fan: chi non sogna una vita così?

Oggi, si apre un nuovo capitolo per questa giovane icona del glam mondiale, che sembra aver abbondonato quell’atteggiamento da ereditiera sfrontata di non molto tempo fa. Sull’onda delle celebrities che hanno messo su un piano B trasformandolo in un lavoro a tempo pieno, anche Paris si cimenta in una nuova, inaspettata avventura. Si chiama The Glam App e offre una gamma di servizi a portata di click che conta su ben 3.000 stilisti in 23 mercati. Lanciata nel 2015 dal make-up artist Joey Maalouf insieme all’attrice e fashion blogger Cara Santana, Paris decide di diventarne partner con un impegno full time. “Farà la differenza nella vita delle persone, le farà sentire splendide, sempre all’altezza e pronte per ogni serata galante”, ha dichiarato Paris Hilton a Women's Wear Daily, il settimanale che in molti hanno soprannominato la ‘bibbia’ della moda.

Ovviamente Paris Hilton conosceva già bene l’app ed è stata uno dei primi clienti sin dal lancio sul mercato. Maalouf: "Ci aveva usato in molte città durante i suoi viaggi e così, oggi, abbiamo deciso di dare una svolta al rapporto con lei. È per questo motivo che, per noi, ha avuto senso lavorare insieme".

Ecco alcuni dei look che è stato possibile ricreare grazie ai servizi di bellezza a domicilio offerti da The Glam App. Cosa ne pensate, funzionerà?

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.