Pink tinge i capelli ai figli per supportare Jessica Simpson

Pink ha deciso di tingere i capelli della figlia per mostrare solidarietà alla cantante Jessica Simpson, finita al centro di una valanga di critiche social

Jessica Simpson è finita al centro di un'ondata di critiche social: è bastata una semplice scelta stilista per accontentare la figlia a scatenare un vero putiferio. La cantante aveva pubblicato uno scatto della piccola Maxwell “Maxi” Drew, di sette anni, con le estremità dei capelli tinte di viola: una richiesta della piccola e super fan del film "Descendants". Nella foto si vede la bambina appoggiata al lavatesta del salone di bellezza e contornata da professioniste della tintura, quindi posare tranquilla con il nuovo e simpatico look. Ma la decisione genitoriale non è piaciuta ai follower della cantante, che l'hanno bersagliata di critiche e rimproveri, legati in particolare alla decisione di tingere i capelli di una bambina così piccola.

Mentre la bufera social imperversava, in suo soccorso è giunta la cantante Pink, a sua volta spesso criticata per le decisioni prese nei confronti dei suoi figli. La popstar ha voluto mostrarsi solidale con Simpson, colorando di blu i capelli della piccola Willow Sage, ma bloccando i commenti e aggiungendo una serie di hashtag contro i giustizialisti social. Quella che Pink definisce criticamente "polizia genitoriale": veri e propri haters pronti a giudicare ogni tipo di scelta, anche personale e fatta in buona fede.

La stessa Pink era finita nell'occhio del ciclone per aver pubblicato uno scatto del figlio più piccolo senza il pannolino: una foto del tutto innocente e naturale, realizzata in spiaggia durante un momento di svago. La cantante, solita condividere con affetto momenti familiari, è stata riempita di insulti e giudizi ridicoli, che l'hanno spinta a limitare la condivisione delle foto dei figli e a bloccare più di un contatto.

Segui già la nuova pagina di gossip de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.