Il pubblico snobba Sky Atlantic, canale delle serie tv «cult»

Il pubblico snobba Sky Atlantic, canale delle serie tv «cult»

La televisione rimane un mistero. Un enigma che continua a sorprendere. Pensi di averla capita e invece. Invece, spiazza gli addetti ai lavori: maghi dei palinsesti, guru del marketing, critici e giornalisti specializzati. Il caso che innesca questa riflessione è l'audience di Sky Atlantic, la fighissima rete delle «grandi serie, grandi storie» appena inaugurata. Dopo la prima settimana di programmazione (dal 9 al 16 aprile), considerando gli ascolti solo degli abbonati alla pay tv di News Corp, il nuovo canale totalizza lo 0,65 per cento in daytime (24 ore) e l'1,13 per cento in prima serata (fascia 21-23). Un caso da analizzare, senza mischiare mele e pere e mettere gli ascolti di Sky nel calderone dell'Auditel generale. Dunque, considerando solo il recinto degli abbonati alla pay tv, nelle 24 ore Sky Atlantic si classifica solo al ventunesimo posto tra le reti tematiche. Mentre esaminando gli ascolti in prime time si assesta in nona posizione (dietro SkySport1 e SkyCinema1, ma anche dopo FoxCrime, FoxLife e Fox che pure di serie tv sono fatte). In sintesi: sotto le aspettative.
Eppure era stato allestito un palinsesto di qualità, trainato da una punta di diamante come House of Cards. Molto attesi anche gli altri titoli: dalla quarta stagione di Boardwalk Empire alla versione estesa di Venuto al mondo fino alla quarta stagione de Il Trono di spade. Il boom sembrava sicuro. Oltre ai contenuti, anche il lancio era stato studiato nei minimi particolari. Insomma, era nato il Bengodi dei telefilm, il tempio degli amanti della serialità sofisticata. Probabilmente i dirigenti della pay tv staranno riflettendo. Però non si può mai dire: magari avevano previsto una partenza diesel. Altrimenti, un titolo italiano tra quelli che hanno già nel cassetto (Gomorra - La serie o 1992), forse avrebbe garantito un'uscita dai blocchi migliore.

Commenti