Sport

Berlusconi: "Il Milan? Avrebbe bisogno di me"

Berlusconi: "Il Milan? Avrebbe bisogno di me"

"Sono costretto a restare in campo nonostante abbia molti hobby tra cui uno che si chiama Milan e che in questo momento ne avrebbe bisogno", così ha detto Silvio Berlusconi nel corso della conferenza stampa nella sede di Forza Italia, indetta per richiedere la revisione del processo Mediaset.

Il Cav nel corso del suo discorso si è concesso anche qualche battuta sui rossoneri. Adriano Galliani, intercettato all'aeroporto di Malpensa in procinto di volare per Glasgow insieme alla squadra, ha risposto così ai cronisti: "Come è il mio umore? Ottimo e abbondante". Sulle critiche di Barbara Berlusconi: "Secondo lei rispondo o non rispondo?". E al giornalista che gli domanda quali sia il suo sogno l'ad replica: "Ho sogni strani in questo periodo, non li racconto". Galliani presidente del Consiglio? "No sogno cose più carine".

Si parla anche di Mario Balotelli, che oggi si è presentato agli allenamenti con 25 minuti di ritardo. Il calciatore non deve aver apprezzato le pubbliche esternazioni del tecnico toscano, Massimiliano Allegri, che aveva puntato il dito su cresta e orecchini. "Il suo ritardo? Non lo so,l’allenamento era alle 11:30, lui è arrivato prima delle 11. Mal di pancia? Che mi risulta no, speriamo di no. Tutti a dire che era il più grande rigorista del mondo, ventuno rigori di fila poi ne sbagli due consecutivamente. È il calcio, prendiamolo così. Rimane al 101% al Milan", ha affermato Galliani, smentendo con forza le voci di una possibile cessione del bomber rossonero.

Sulla contestazione di sabato della Curva Sud, Galliani precisa: "Mi è dispiaciuto. È capitato alla Juve e all’Inter, non mi pare sia stato così tanto drammatizzato, speriamo non succeda a noi, ma potrebbe anche succedere. Speriamo di no. Kakà ha fatto bene a parlare con la Curva? Non ha fatto né bene né male. Sono arrivati due ufficiali della Questura di Milano e mi hanno pregato gentilmente di fare questa cosa qui. Se uno della Polizia mi dice di fare una cosa la faccio. Tutto qui. Non è una decisione mia ma della Polizia. Non c’entra la società, ho aderito ad una richiesta della pubblica sicurezza di Milano come fa qualunque persona normale".

Anche Barbara Berlusconi è scesa in campo per incoraggiare la squadra in vista del decisivo match. Prima di pranzare con la squadra ha assistito agli ultimi venti minuti dell’allenamento nel centro sportivo di Milanello.

Poi si è intrattenuta con Montolivo. In un colloquio con il capitano del Milan la figlia del presidente ha esortato i giocatori: "Date tutto quello che avete per il passaggio del turno in Champions League".

Commenti