Bonolis: ''Scudetto al Milan? Chiunque con 14 rigori sarebbe primo...''

Il conduttore tv, grande tifoso interista, manda una frecciatina al Milan primo in classifica

''Chiunque con 14 rigori rigori nel girone d'andata sarebbe primo in classifica...''. Paolo Bonolis, intervenuto a SkySport, stuzzica così il Milan sottolineando il numero di rigori concesso ai rossoneri in questo primo scorcio di campionato.

Con l'ironia che lo contraddistingue da sempre, il presentatore tv e grande tifoso dell’Inter Paolo Bonolis ha parlato del momento della squadra di Antonio Conte, facendo il punto sui momenti più attuali del campionato, nella trasmissione Sunday Morning, in onda su SkySport.

Si parte dallo scontro Ibrahimovic-Lukaku di Coppa Italia, che ha avuto un lungo eco sui social e tra gli addetti ai lavori: ''La vicenda è stata cavalcata con profonda ipocrisia dal mondo dell’informazione in generale. Un mondo che vive di haters, di persone che si insultano nascondendosi dietro nickname. Un mondo nel quale la macchina del fango cavalca quotidianamente. Quello che sta succedendo per due persone che a calcio fanno faccia a faccia e litigano come è sempre stato nel mondo del pallone mi sembra una cavalcata ipocrita e un eccesso di attenzione nei confronti di un evento banale e tipico del mondo del pallone''.

Sul mercato nerazzurro invece: ''Sanchez-Dzeko? Sarebbe stato uno scambio probabilmente utile a entrambi a livello tattico. A livello economico altra faccia. Dzeko vive un disagio particolare a Roma, non si fa. Sarei stato contento, ma stiamo parlando di due ottimi giocatori''. Il nuovo acquisto potrebbe essere però Christian Eriksen, sempre più a suo agio nel nuovo ruolo di play basso: ''Il Benevento è stato un test probante per molte squadre, l’Inter ha dominato la partita. Eriksen in quella posizione non deve fare molti recuperi. Non sono servite particolari corse di recupero per il danese. Come mezzala per come la interpreta Conte non ha ancora quello spirito di sacrifico che vorrebbe Conte. Eriksen è forte, gli andava trovata la giusta posizione e ora Conte gliel’ha trovata''.

La chiusura è sulle pretendenti allo scudetto, a partire dalla Juventus: ''Percorso complesso per Pirlo, giustificabile che ci siano difficoltà iniziali. Chiunque stia cercando di rinnovarsi passa un periodo di interregno. Per Pirlo è ancora più difficile per le aspettative della Juve. Ma la rosa è straordinaria e piano piano lotterà per lo scudetto. Come lo stanno facendo Inter, Milan, Napoli, Roma. Chiunque con 14 rigori nel girone d’andata sarebbe primo in classifica''. Una frecciatina che di sicuro non sarà piaciuta dalle parti di Milanello.

Sulla vittoria finale invece si sbilancia così: ''Inter in pole, Atalanta, Juve e Milan la mia griglia. L’Atalanta può ambire allo scudetto, avranno un peso le coppe su questo calendario. L’Inter non ha questi impegni e sarà una discriminante importante. Devo ancora ringraziare Antonello e Zanetti, questo è l’anello del Triplete col numero 4 di Pupi''.

Segui già la nuova pagina Sport de IlGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

jaguar

Lun, 01/02/2021 - 11:01

Il primo posto in classifica logora chi non ce l'ha.

vaigfrido

Lun, 01/02/2021 - 11:52

Caro Bonolis ,,, diceva Boskov "rigore c'è quando arbitro fischia " e ora abbiamo pure la Var ... Forse il milan non vincerà lo scudetto ma al momento godiamo a vedere le vostre rosicate !

CATTIVIPENSIERI

Lun, 01/02/2021 - 12:24

Bonolis e consorte mi stanno cordialmente sui palloni (da calcio), ma la sua analisi sul "caso" Ibra-Lukaku" è tra le più lucide che abbia letto in questi giorni

CATTIVIPENSIERI

Lun, 01/02/2021 - 12:32

Il fatto che con 14 rigori si possa essere primi, può starci. Però i rigori devi andarteli a cercare in area. L'Inter in area entra pochino. Ha un gioco ani '60: catenaccio e contropiede, e infatti con le piccole con le quali deve fare la partita, fatica. Del Milan occorre anche ricordare i record mondiali di ammonizioni ed espulsioni nelle medesime partite, e spesso per falli subiti. Le cose vanno dette TUTTE.

angelorosa

Lun, 01/02/2021 - 13:55

puntuale è arrivato il saputone esperto di quiz e come tale dice la sua sul gioco del calcio facendo capire tre cose: a) Milan pappa e ciccia con gli arbitri; b) potere occulto (Milan) in seno alla FIGC; c) non bisogna applicare il regolamento calcistico solo al Milan. RIDICOLO come i suoi quiz dove c'è da "morire dal ridere".

carpa1

Lun, 01/02/2021 - 15:19

Anche se lui è interista vale la pena ricordare che con un gol entrato in rete per almeno mezzo metro, smanacciato fuori da un portiere fanfarone che finge di non essersene accorto, ed annullato dall'arbitro (gol che vale uno scudetto ormi certo) chiunque può vincere uno scudetto e, magari, anche otto di fila. Questo è il calcio.

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Lun, 01/02/2021 - 17:51

Non nutro molta stima per Bonolis , però questa volta miei cari Bananas penso abbia proprio ragione.

er_sola

Lun, 01/02/2021 - 19:39

Per la Juve tutti a gridare allo scandalo, con il milan tutto normale?

cir

Gio, 04/02/2021 - 18:51

il calcio va a bolito . sport per poveri di spirito.