Striscioni contro l'Hoffenheim, la curva del Borussia rischia squalifica

Il "muro giallo" rischia una squalifica: la curva del Borussia Dortmund ha esagerato nei confronti del presidente dell'Hoffenheim

Chi esagera paga. Nessuno sconto, neanche nei confronti della tifoseria del Borussia Dortmund, una delle più calde e belle di tutto il mondo. Il cosiddetto "muro giallo" questa volta ha superato il limite, denigrando anche la spettacolare immagine che nel tempo si era creata: l'accusa attribuitagli è quella di "incitamento all’omicidio".

Curva BVB contro Hopp

La tifoseria giallonera, nella gara contro l'Hoffenheim disputatasi lo scorso 22 settembre, ha esposto uno striscione con su scritto "Chi è questa m*rda?" con il volto disegnato di Dietmar Hopp - patron dei biancoblu. Una vicenda la quale - piuttosto che essere inserita nelle prime pagine dei quotidiani sportivi come spesso accade - ha occupato uno spazio di rilievo nell'accusa riportata dal Sun. Hopp è preso di mira dai sostenitori del BVB per la modalità mediante la quale egli ha finanziato il club con l'obiettivo di raggiungere le zone alte della classifica: il movente sarebbe quello di non aver rispettato la logica dei controlli finanziari, andando oltre le proprie capacità economiche.

La multa alla curva del BVB

La Federcalcio tedesca (DFB) ha inflitto alla curva una multa dal valore di 56950 dollari (corrispondenti a circa 50mila euro). Ma non è finita qui: i tifosi, a partire dalla prossima sfida, saranno tenuti costantemente sott'occhio dagli organi addetti. Se dovesse ripetersi un episodio simile, allora si arriverebbe ad un altro tipo di conseguenza: i sostenitori gialloneri si vedrebbero vietare l'ingresso presso lo stadio dell'Hoffenheim fino al 2022. La reputazione sportiva conta poco, nulla: ciò che è accaduto non è un segnale di sportività tollerabile.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.