Coronavirus, Nainggolan teme per la moglie: "Ho paura di contagiarla"

Nainggolan ha ammesso di temere il contagio da coronavirus: "Claudia ha le difese immunitarie basse, spero che tutto questo passi presto perché lei è in continuo rischio"

Radja Nainggolan sta vivendo il suo periodo di isolamento a Cagliari insieme alle figlie e alla moglie Claudia Lai, che sta combattendo la sua battaglia con il cancro. Qualche giorno fa la consorte del centrocampista belga aveva parlato della sua condizione in merito al contagio da coronavirus e alla mancanza di medicinali per malati oncologici: "Il momento è difficile per noi pazienti oncologici e non solo. A oggi mi ritrovo a non trovare farmaci importanti per le mie cure e come me chissà quante persone si trovano nella medesima situazione. È inevitabile contrarre qualsiasi tipo di malattia poiché abbiamo difese immunitarie pari a zero. A me me pare de sogna".

Il Ninja teme per la sua salute

Nainggolan durante una diretta Instagram per il canale belga Vier ha raccontato il suo periodo di quarantena in compagnia della moglie: "Claudia, ovviamente, ha un sistema immuntario debole. Spero che tutto questo passi presto perché lei è in continuo rischio. Le terapie sono state rimandate e stiamo evitando gli ospedali. Ho paura per lei, devo ammetterlo". L'ex centrocampista di Roma e Inter si augura di non contrarre il virus ma solo per non passarlo alla moglie: "Ho il timore di contagiarmi se esco a fare la spesa e di trasmetterle il coronavirus. Lei ha già superato la parte più difficile della malattia, ora è in fase di “conservazione. o prendo tutte le precauzioni del caso e seguiamo le indicazione dei medici".

Il 31enne di Anversa non vede l'ora di tornare in campo e ha anche spiegato come impiega il suo tempo tra allenamenti casalinghi, concordati con il Cagliari, e videogiochi in quantità: "Non vedo l’ora di tornare a giocare. La noia la fa da padrona. Inganno il tempo giocando alla PlayStation fino a notte fonda con gli amici, cerchiamo di divertirci. Giochiamo con i giochi da società. Il Cagliari ci ha inviato le attrezzature per allenarci e ho una cyclette in terrazza. Spero che tutto questo termini presto per tornare in campo".

Infine, qualche giorno sui social il Ninja ha scherzato con i suoi follower parlando di una festa non appena finirà la quarantena forzata: "Tutto sommato sono sereno, aspetto notizie e continuo ad allenarmi a casa, anche se questo modo di vivere non è fatto per me. Stare a casa dopo un po' diventa una noia assurda. Gioco un po’ con i compagni alla PlayStation, cerco di passare il tempo. Ieri ho fatto una torta con mia figlia ma è uscita così così, poi ogni tanto faccio qualche dj set per passare un momento di svago. Appena finisce questa quarantena, voglio fare una bella serata come una volta... E adesso dopo tutto questo tempo spero di giocare fino a 50 anni".

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

amicomuffo

Gio, 26/03/2020 - 11:23

Ninja...purtroppo, questa è la paura che ci accomuna a te! Contagiare le nostre persone care!

dagoleo

Ven, 27/03/2020 - 15:58

dai Claudia e Radja forzae coraggio. state attenti e non vi accadrà nulla. forza e coraggio e forza Cagliari.