Coronavirus, tragedia a Malaga: morto allenatore di 21 anni

Francisco Garcia, giovanissimo allenatore di un piccolo club dilettantistico di Malaga, è morto per aver contratto il coronavirus: il 21enne era malato di leucemia

Il coronavirus ha fatto una vittima nel mondo del calcio in Spagna: si tratta di un allenatore di soli 21 anni, Francisco Garcia. Il tecnico delle giovanili dell'Atletico Portada Alta, piccolo club di Malaga, aveva già però una grave patologia che ne aveva debilitato il fisico: la leucemia. Francisco era purtroppo malato da tempo con la città andalusa che è stata una delle città spagnole più colpite da questa terribile pandemia.

Il suo club ha voluto salutare il giovane 21enne dalla sua pagina ufficiale di Instagram: "Era un ragazzo forte che amava il suo lavoro e amava i bambini che allenava come se fossero suoi. Vogliamo manifestare le nostre più profonde condoglianze alla famiglia, agli amici e parenti del nostro allenatore Francesco Garcia che ci ha lasciato. E ora cosa facciamo senza di te, Francis?".

Il club ha poi chiuso il suo ultimo saluto a Francisco con alcuni toccanti pensieri: "Eri sempre con noi e dov'era necessario eri sempre pronto ad aiutare. Come continueremo a conquistare punti in campionato? Non sappiamo come, ma lo faremo sicuramente per te. Non ti dimenticheremo mai, ora riposati in pace, fenomeno".

Anche il mondo del calcio professionistico è stato colpito da questa pandemia con oltre 20 casi accertati, solo 11 in Serie A, e anche altri atleti come in Nba o del mondo dello spettacolo sono stati colpiti dal coronavirus che non sta davvero risparmiando nessuno. La morte di Francisco, però, è una delle più dure da accettare per via della sua giovanissima età e la sua grave patologia di certo non ha aiutato un fisico già debilitato a reagire al virus che gli è stato letale.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.