Cristiano Ronaldo furioso con Sarri. Il tecnico: "Gli passerà". Il portoghese posta sui social

Sarri ha cercato di minimizzare il caso Cristiano Ronaldo che se l'è presa con il tecnico per la sostituzione nel match contro il Milan: "Se si arrabbia è normale e se è andato via prima avrà modo di chiarirsi con i compagni". Il portoghese sui social: "Vittoria importante"

La Juventus di Maurizio Sarri ha vinto contro il Milan e si è ripresa la vetta della classifica ma c'è da registrare un caso Cristiano Ronaldo. Il portoghese, autore di una prova incolore, è stato sostituito al 55' da Paulo Dybala ma non l'ha presa affatto bene. L'ex Real Madrid e Manchester United, infatti, ha prima dato la mano timidamente al compagno di squadra che stava per entrare in campo e si è poi diretto stizzito negli spogliatoi e farfugliando qualcosa all'indirizzo di Sarri che l'ha sostituito e per due volte di fila tra Champions League e campionato.

Cristiano Ronaldo ora è stato convocato dal Portogallo per le ultime due sfide di qualificazione ad Euro 2020 ma la questione è ancora viva e andrà risolta il prima possibile per evitare crepe nel rapporto da qui a fine stagione. Sarri, al termine del match si è espresso così sul caso CR7: "Ringrazio Cristiano perché ha giocato in condizioni non eccezionali. Se si arrabbia è normale, ha fatto di tutto per esserci anche se fuori condizione".

Sarri ha poi continuato: "Non è l’età, ha avuto un problema al ginocchio e da allora un risentimento con squilibri, ha dolori, non può allenarsi molto, ha questa difficoltà ed un acciacco che lo condiziona. Tirata di orecchie? Penso che ci vuole tolleranza quando togli chi vuole dare tutto. Ci possono essere i cinque minuti di arrabbiatura, penso sia normale, all’allenatore fa anche piacere, sarei preoccupato del contrario”.

L'ex tecnico di Chelsea e Napoli ha poi chiuso il discorso con una dichiarazione sibillina:"Se è vero che è andato via prima della fine, dovrà vedersela con i compagni". Cristiano Ronaldo è uno dei fari della Juventus e in queste due stagioni in bianconero ha praticamente sempre giocato e non è stato quasi mai sostituito. Ieri sera Sarri ha avuto il coraggio di cambiare per il bene della squadra e alla fine la sua scelta gli ha dato ragione visto che è Dybala ha realizzato il gol da tre punti che ha permesso alla Juventus di riprendersi la vetta della classifica.

Quello del portoghese è stato un gesto istintivo, un mix di rabbia e delusione per la sostituzione e per non essere riuscito ad essere decisivo per la sua squadra. Alla ripresa dopo la sosta per le nazionali, però, servirà un pronto chiarimento tra la Juventus, il campione di Funchal e anche tutti i suoi compagni di squadra: c'è un equilibrio di spogliatoio da preservare e il confronto ci dovrà essere anche se il "ribelle" in questione è forse l'uomo più rappresentativo della squadra bianconera.

CR7 ha poi deciso di rompere il silenzio facendo rientrare parzialmente il caso con un post su Instagram: "Partita difficile, vittoria importante. Fino alla fine".

Partita difficile, vittoria importante! #finoallafine

Un post condiviso da Cristiano Ronaldo (@cristiano) in data:

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

maurizio-macold

Lun, 11/11/2019 - 16:32

CR7 e' oramai alla fine della sua splendida carriera e se fosse meno vanitoso e piu 'intelligente saprebbe gestirsi meglio. Le sue prestazioni sportive, in special modo quest'anno, sono state tutte pessime e non puo' ne' deve lamentarsi se viene sostituito. Se io fossi stato in Sarri non l'avrei neanche fatto entrare in campo.