"Fanno i regali a chi non ne ha bisogno...". Veleno dopo Samp-Inter

Alla Sampdoria e al presidente Ferrero non è piaciuto l'arbitraggio di Orsato. Entrambi i gol dei nerazzurri sono finiti nel mirino dei blucerchiati

"Fanno i regali a chi non ne ha bisogno...".  Veleno dopo Samp-Inter

L'Inter di Simone Inzaghi non è riuscita ad avere la meglio sulla Sampdoria di Roberto D'Aversa. I nerazzurri, in vantaggio per due volte, si sono fatti raggiungere sul 2-2 finale dai blucerchiati al termine di una partita scoppiettante, ricca di occasioni da gol ma anche di polemiche. L'arbitraggio del signor Daniele Orsato, infatti, non è piaciuto soprattutto ai padroni di casa (il fischietto di Schio non arbitrava i nerazzurri da quel famoso Inter-Juventus del 2018 intriso di polemiche per la mancata espulsione di Pjanic).

Veleno blucerchiato

Massimo Ferrero, presidente della Sampdoria, non ha usato giri di parole per definire l'arbitraggio di Orsato, reo di aver "regalato" una punizione discutibile ai nerazzurri per fallo di Colley su Lautaro Martinez. Da quella punizione, infatti, è poi nato il vantaggio dell'Inter con Ferrero che si è scagliato contro il direttore di gara: "Fanno i regali a chi non ne ha bisogno", è la frase sibilata al termine del match dal numero uno blucerchiato e riportata dal Secolo XIX. "Lui si gira e gli dai una manata in faccia, non posso non fischiare", il labiale di Orsato per spiegare ai giocatori della Sampdoria la sua decisione.

Roberto D'Aversa ha invece usato toni più morbidi ma pur sempre decisi: "Un fischio troppo generoso". La Sampdoria ha avuto anche da ridire sul gol del 2-1 dell'Inter per un presunto fallo di Calhanoglu a centrocampo in sviluppo d'azione ma sinceramente le proteste sembrano fin troppo esagerate.

L'ex allenatore del Parma ha addirittura esagerato parlando di "risultato stretto" per i suoi ragazzi: Siamo partiti forte e ci siamo trovati sotto per una punizione perfetta. Finire sotto due volte con i campioni d'Italia e rimontare non è semplice, penso che il pareggio sia un risultato giusto e forse avremmo meritato anche qualcosa in più, devo fare un applauso a questi ragazzi".

Subito ripartire

L'Inter si trova ora a meno due dalla vetta composta da Roma, Milan e Napoli ma c'è tutto il tempo per recuperare. Ora la testa dei nerazzurri sarà rivolta alla Champions League con un Bastoni in più ma con un Sensi in meno dopo l'infortunio al collaterale del ginocchio. Il Real Madrid nell'ultimo turno di campionato ha spazzato via 5-2 il Celta Vigo ma servirà una grande prestazione per partire con il piede giusto in un girone abbordabile e dove l'Inter non potrà fallire la qualificazione agli ottavi di finale.

Commenti