Sport

"Non capisci un c..., delusione...". La frase "dimenticata" di Conte

Il tecnico dell'Inter ha raccontato un aneddoto particolare all'interno della sua biografia "Il metodo Conte". Il salentino ebbe un alterco con Buffon: "Zitto e non dire più una parola"

"Non capisci un c..., delusione...". La frase "dimenticata" di Conte

Antonio Conte è stato compagno di squadra di Gigi Buffon per tre anni alla Juventus ma è anche stato suo allenatore per tre anni in bianconero e per un biennio con la nazionale italiana. In questo momento della loro carriera il primo è tecnico dell'Inter mentre Gigi è il secondo portiere della squadra bianconera allenata da Andrea Pirlo. Quest'anno i nerazzurri si candidano per essere la rivale numero uno della Vecchia Signora che domina da nove anni in italia.

L'aneddoto Conte-Buffon

L'allenatore dell'Inter ha scritto una sua biografia "Metodo Conte" in cui parla di alcuni avvenimenti importanti successi nella sua carriera da allenatore. Il tecnico salentino ha infatti svelato un importante retroscena che l'ha visto in contrapposizione proprio con Gigi Buffon "insultato" prima dell'ultima di campionato nella stagione 2013-2014, scudetto vinto dalla Juventus con il record assoluto di 102 punti. Il metodo Conte nasce già da quando giocava tra le fila del Lecce prima e della Juventus poi fino ad arrivare alla carriera da allenatore dall'Arezzo, al Bari, all'Atalanta fino ad arrivare alle sue grandi esperienze. La sua naturale ambizione ha sempre fatto la differenza: "Se allenerò un giorno la Juventus? Il problema non è se, ma quando accadrà. Non ho alcun dubbio che ci arriverò, è solo una questione di tempo".

La ricostruzione

Conte è noto per essere un alleantore esigente con i suoi calciatori, un vero e proprio generale. 17 maggio 2014 vigilia dell'ultima di campionato contro il Cagliari, la Juventus è a quota 99 punti ma l'allenatore salentino vuole chiudere con 102 punti. Durante la riunione tecnica in sala video Buffon entrò con l'allora ex ad bianconero Beppe Marotta e indisplose così Conte: "Mister, scusi un istante, il direttore vuole fare chiarezza sulla questione dei premi da pagare alla squadra, dopo la vittoria dello scudetto".

La risposta di Conte fu veemente e al vetriolo nei confronti di Buffon: "Mi avete rotto! Rotto, capito? E adesso andate tutti fuori dalle palle. Fuori, non voglio più vedervi. Fuori, ho detto!", Gigi prova a spiegarsi: "Ma, mister…" ma Conte lo silura: "Zitto Gigi, da quella bocca non deve più uscire una parola. Non me lo far ripetere. Proprio da te non me lo sarei mai aspettato. I premi… Ma pensa te, ’sti str... Gigi, tu sei il capitano. E non capisci niente di niente, anzi diciamolo proprio, tu non capisci un cazzo. Sei una delusione, una sconfitta appena apri la bocca. Tu come tutti questi altri deficienti", la chiusura al veleno del generale Antonio che nel corso degli anni c'è da dire che ha sempre mantenuto una sua certa linea di pensiero.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

Commenti