Hamilton al veleno contro Ecclestone: "Ignorante e senza istruzione"

Il sei volte campione del mondo Hamilton ha risposto per le rime a Bernie Ecclestone circa le sue dichiarazioni di ieri sul tema razzismo: "Bernie è fuori dallo sport e di una generazione diversa, ma questo è esattamente ciò che è sbagliato"

Bernie Ecclestone ha sganciato la bomba nella giornata di ieri con alcune dichiarazioni pesanti alla Cnn che stanno facendo discutere: ''Le persone possono riflettere un attimo e dire: ‘Ma che diavolo. Qualcuno potrebbe pensare le stesse cose sui bianchi. In molti casi i neri sono più razzisti dei bianchi", questo il commento al veleno dell'ex patron della Formula Uno, diventato padre pochi giorni fa all'età di 89 anni.

Il tackle di Lewis

La risposta del sei volte campione del mondo di Formula Uno Lewis Hamilton non si è fatta di certo attendere, lui da sempre molto attento al tema razzismo sia nel mondo dei motori che nella vita quotidiana: "Bernie è fuori dallo sport e di una generazione diversa, ma questo è esattamente ciò che è sbagliato. Commenti ignoranti e non istruiti che ci mostrano fino a che punto una società deve andare avanti prima che possa accadere la vera uguaglianza", ha detto il pilota 35enne inglese.

"Adesso ha perfettamente senso che nulla sia stato detto o fatto per rendere il nostro sport più diversificato o per affrontare l'abuso razziale che ho ricevuto durante la mia carriera. Se uno che ha gestito lo sport per decenni ha una tale mancanza di comprensione dei problemi profondi che noi neri affrontiamo ogni giorno, come possiamo aspettarci che capiscano tutte le persone che lavorano sotto di lui. Comincia dalla cima", la chiusura con un velo di amarezza di Hamilton.

Liberty prende le distanze

Liberty Media, che ora gestisce il circus della Formula Uno, ha voluto prendere le distanze dalle parole pronunciate dall'89enne svizzero con una nota chiara e che non lascia spazio ad alcuna interpretazione: "In un momento in cui è necessaria l'unità per affrontare il razzismo e la disuguaglianza, siamo completamente in disaccordo con i commenti di Bernie Ecclestone che non hanno posto nella Formula 1 o nella società", la nota piccata di Liberty che ha poi concluso: "Il sig. Ecclestone non ha avuto alcun ruolo in Formula 1 da quando ha lasciato la nostra organizzazione nel 2017, il suo titolo di presidente emerito, essendo onorifico, è scaduto nel gennaio 2020".

La lotta di Lewis

Un mese fa il pilota della Mercedes aveva detto a chiare lettere come il circus della Formula Uno fosse stato completamente indifferente all'uccisione di George Floyd da parte della polizia negli Usa: "Dalla F1 nessun segnale, il mio è uno sport dominato dai bianchi. Vedo quelli di voi che stanno zitti. Alcuni sono anche molto famosi ma preferiscono tacere dinanzi a questa ingiustizia. Io sono uno dei pochi di colore in questo mondo e sono solo. Avrei potuto pensare che avresti capito perché questo accadesse e che avresti detto qualcosa al riguardo, ma non puoi stare al nostro fianco. Solo ora so chi sei e ti vedo".

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Scirocco

Sab, 27/06/2020 - 17:34

Ecclestone ha ragione da vendere. I neri sono molto più razzisti dei bianchi. Nel 1984 a New Orleans presi un autobus insieme a dei colleghi per rientrare in porto e ci "consigliarono" di scendere velocemente perché non volevano avere dei bianchi vicini.

agosvac

Sab, 27/06/2020 - 17:42

Mi sa che Hamilton stia cominciando a credere di essere più importante di quanto sia realmente. Ecclestone( mi sembra sia inglese), ha detto una cosa vera. Tra l'altro non credo che Hamilton sia mai stato trattato in maniera diversa perché nero di pelle. Anzi nell'ambiente della F1 è un privilegiato perché la FIA gli ha fatto passare delle intemperanze in pista che non aveva mai concesso neanche al grande Schumi. Il fatto che in F1 ci sia solo lui con la pelle nera non è colpa dei bianchi ma del fatto che questo sport non è abbastanza apprezzato da loro, preferiscono altri sport dove conta di più la prestanza fisica.

d'annunzianof

Sab, 27/06/2020 - 18:09

Ecco fatti, casistiche e statistiche che sono facilmente reperibili: piu` bianchi vencono ammazzati da neri che viceversa, piu` bianchi vengono ammazzati da ispanici che viceversa, piu` bianchi vengono ammazzati dalla polizia che neri o ispanici (per percentuale). Tutte le nazioni che hanno una minoranza nera HANNO TUTTI GLI STESSI PROBLEMI; Stati Uniti, Brasile, Regno Unito, Francia, Belgio, per non parlare dell'Africa del sud, dove intere comunita` agricole bianche vengono trucidate da anni nel silenzio colpevole di TUTTI

cir

Dom, 28/06/2020 - 10:21

Grande Hamilton !