Ibra, quasi fatta con il Milan. Ma occhio al Napoli di... Gattuso

Zlatan Ibrahimovic non ha ancora deciso il suo futuro. Il Milan gli ha fatto un'offerta importante, ma lo svedese nicchia. Affascina, anche se remota, l'opzione Napoli. Dove Ibra potrebbe trovare un ex compagno di squadra: Rino Gattuso

"Ci vediamo presto in Italia". È bastata questa semplice frase, pronunciata da Zlatan Ibrahimovic, per scatenare le fantasie dei tifosi del Milan. Da quando lo svedese ha detto addio ai Los Angeles Galaxy, le voci di un suo possibile ritorno in rossonero si sono fatte via via più insistenti, a tal punto che secondo qualcuno ormai sarebbe "fatta". A dirlo non solo gli ammiratori dell'attaccante, uno dei più forti al mondo nonostante i 38 anni compiuti il 3 ottobre. Ma anche i giornali sportivi, in particolare la Gazzetta dello Sport che proprio oggi, martedì 10 dicembre, si sbilancia con un titolo che non lascia spazio a compromessi: "Ibra vuole il Milan".

Ibrahimovic-Milan, il nodo del contratto

Secondo il quotidiano di via Rizzoli, per lo sbarco in rossonero di Zlatan è solo questione di tempo. Gli indizi sono molti, a partire da quanto confessato ad alcuni amici dallo stesso Ibra. E dove non arrivano le indiscrezioni del "giglio magico" del giocatore, ci pensano alcune dichiarazioni ufficiali. Come quelle del coordinatore dell'area tecnica del Bologna, Walter Sabatini, che ha definito una "bella suggestione" la pista che avrebbe potuto portare in Emilia l'ex attaccante di Juventus e Milan in nome dell'amicizia che lo lega a Sinisa Mihajlovic, tecnico felsineo ed ex compagno di squadra di Ibra ai tempi dell'Inter. "Ha fatto altre scelte professionali", il commento di Sabatini. Scelte che lo porterebbero di nuovo a Milano, sponda rossonera. La trattativa è in corso già da qualche settimana. Il problema, ovviamente è economico. Per la rosea, infatti, Ibra non è soddisfatto della prima offerta del Diavolo - 2 milioni di euro per i primi sei mesi, quattro milioni per la stagione successiva - e soprattutto della formula proposta, secondo la quale le parti si legherebbero soltanto per i primi sei mesi, con la possibilità di rinnovare in base all’andamento del campionato.

L'assalto del Napoli (di Gattuso?)

Lo svedese vuole un contratto di 18 mesi. Se possibile senza clausole "strane", come quella che vincolerebbe il Milan a rinnovargli il contratto per un'altra stagione in caso di qualificazione alla prossima edizione della Champions League. Non siamo al "grande freddo" tra la dirigenza rossonera e il procuratore di Ibra, Mino Raiola. Ma in una situazione di stallo, sì. Ecco perché si aprono i margini per un'operazione che avrebbe del clamoroso. L'unica seria rivale del Milan nella corsa allo svedese rimane il Napoli di Aurelio De Laurentiis. Il presidentissimo azzurro, da mesi, prova a convincere Ibra a chiudere la sua carriera all'ombra del Vesuvio. Per ora, però, senza grandi risultati, nonostante il rapporto di amicizia che li lega. Ma ecco che il Napoli potrebbe giocarsi l'asso pigliatutto. Che risponde al nome di un altro "fratellone" di Ibra: Gennaro Gattuso. Cosa c'entra Ringhio? C'entra eccome. Perché potrebbe essere proprio lui a prendere il posto di Carlo Ancelotti sulla panchina del Napoli. Spendendosi personalmente per convincere Ibra a scegliere Napoli. Ipotesi legata a mille variabili. Ma non da scartare del tutto. Ibra è imprevedibile...

Commenti
Ritratto di italiota

italiota

Mar, 10/12/2019 - 11:36

a lui bastano anche 50 euro in più per ambiare squadra

veromario

Mar, 10/12/2019 - 17:18

scappano tutti da napoli e da delaurentis non vedo perché dovrebbe andarci lui.