L'Atalanta gioca con il cuore ma non basta: il Borussia Dortmund vince 3-2 in rimonta

La doppietta di Batshuayi ha permesso al Borussia Dortmund di battere per 3-2 l'Atalanta. Per i nerazzurri sontuosa doppietta di Ilicic. Giovedì prossimo al Mapei Stadium la sfida di ritorno: qualificazione in bilico

L'Atalanta di Gasperini si conferma la squadra dell'anno in Europa League. I nerazzurri hanno dato del filo da torcere ad una squadra come il Borussia Dortmund che è riuscita a piegare la resistenza della Dea solo al 91'. I gialloneri hanno vinto per 3-2 frutto della doppietta di Batshuayi e del gol di Schurrle. Per l'Atalanta in gol Ilicic, con una bella doppietta. La qualificaziene è più che mai in bilico e giovedì prossimo al Mapei Stadium i nerazzurri si giocheranno l'accesso agli ottavi di finale di Europa League. Un plauso, oltre alla squadra, va fatto anche al pubblico di fede atalantina: in 5.000 erano presenti al Westfalenstadion.

Primo tempo frizzante e ricco di occasioni da rete al Westfalenstadion. Al 6' Reus fa tremare Berisha ma cinque minuti dopo Caldara va vicino al gol del vantaggio in tuffo di testa. Schurrle al 17' bacia il palo alla destra del portiere dell'Atalanta e al 22' Batshuayi fa tutto bene ma il suo tiro è centrale. Pulisic non ci arriva di un soffio su assisti di Reus e al 30' Schurrle porta in vantaggio il Borussia su assist di Piszczek. Nella ripresa l'Atalanta la ribalta con la doppietta di Ilicic che tra il 51' e il 56' batte Burki gelando il Westafalenstadion. Al 65' Batshuayi con un bel destro da fuori area trova il pareggio e al 91', ancora il belga trova il gol del definitivo vantaggio con una bella girata all'interno dell'area di rigore, su assist di Goetze.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.