Milan, lo sfogo di Paquetà: "Voglio solo aiutare la squadra"

Paquetà è rimasto al Milan e ha voluto precisare: "Nessuna depressione, nessun dolore al petto, mancanza di amici e desiderio di tornare a Brasile"

Milan, lo sfogo di Paquetà: "Voglio solo aiutare la squadra"

Il Milan di Elliott ha operato in maniera oculata ed intelligente in questa sessione di calciomercato invernale. Stefano Pioli può sorridere visto che sono arrivati giocatori congeniali al progetto e sono andati via alcuni esuberi che non sarebbero mai scesi in campo: da Pepe Reina, a Fabio Borini a Ricardo Rodriguez fino ad arrivare a Mattia Caldara e Piatek, Massara-Boban e Maldini hanno snellito alla grande la rosa integrata dagli esperti Asmir Begovic, Simon Kjaer e Zlatan Ibrahimovic e dal giovanissimo Saelemaekers.

Lucas Paquetà alla fine è rimasto al Milan: dopo essere stato accostato al Psg, alla Fiorentina e anche alla Juventus in un presunto scambio con Federico Bernardeschi, il brasiliano è rimasto alla corte di Stefano Pioli per dimostrare a tutti come il club di via Aldo Rossi non abbia sbagliato ad effettuare un investimento importante, da oltre 35 milioni di euro, solo un anno fa.

I tifosi rossoneri giorni fa hanno scaricato l'ex Flamengo che si era rifiutato di essere convocato per la sfida contro il Brescia ma oggi è un giocatore da recuperare, da ritrovare perché può rappresentare una risorsa importante per Stefano Pioli. Il Milan, inoltre, non può permettersi di deprezzarlo dato che anche in ottica di una futura rivendita in estate, il 22enne carioca ha bisogno di mettere minuti nelle gambe e di giocare con continuiàt per mettersi in mostra.

Lo sfogo social

Paquetà è un ragazzo timido, riservato e avrà sofferto parecchio questi primi 5 mesi nei quali ha faticato tanto ad imporsi nel gioco di Marco Giampaolo prima e di Pioli poi. Inoltre, il calciatore brasiliano pare avere una difficile collacazione in campo soprattutto nel 4-4-2 disegnato dall'allenatore rossonero per esaltare le qualità della squadra e dei singoli.

Il 22enne di Rio de Janeiro ha affidato il suo pensiero a Instagram: "Parlo personalmente, per ringraziare tutti i messaggi che ho ricevuto negli ultimi giorni e per chiarire la mia vera situazione! Non c'è mai stata, grazie a dio, nessuna depressione, nessun dolore al petto, mancanza di amici e desiderio di tornare a Brasile o pressione per una trattativa".

Chiusura con i ringraziamenti a chi gli è stato vicino in queste settimane difficili: "Vorrei ringraziare tutti coloro che mi supportano e si prendono cura di me. Sto bene, continuerò a fare del mio meglio, lavorando seriamente, per perseguire i miei obiettivi e per aiutare sempre il Milan! Grazie a tutti".

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?