Moratti: "Inter sfortunata in Europa. Conte, Allegri e Messi: vi dico tutto"

In esclusiva per ilgiornale.it Moratti ha toccato diversi argomenti partendo dalla finale persa ieri sera dall'Inter, passando per Conte fino ad arrivare a Messi

L'Inter ha perso amaramente la finale di Europa League contro il Siviglia di Lopetegui che ha alzato per la sesta volta nella sua storia questo prestigioso trofeo. La serata di Colonia è stata sfortunata e triste per i colori nerazzurri che hanno visto volare via il sogno di tornare a vincere in Europa distanza di dieci anni dall'ultima volta quando l'Inter allenata da José Mourinho vinse la finale di Champions League contro il Bayern Monaco completando anche il Triplete.

Proprietario di quell'Inter era Massimo Moratti, l'amato presidente che ha permesso ai tifosi di tornare a gioire in Europa dopo 45 anni. In esclusiva per ilgiornale.it l'ex numero uno nerazzurro ha commentato la sconfitta di ieri sera, ha toccato vari temi tra cui Conte, Allegri, Messi e molto altro ancora:

Moratti, ci commenta la finale persa ieri sera dall'Inter contro il Siviglia? Se l'aspettava?
"No, a essere sincero non me l'aspettavo. Eravamo tutti fiduciosi, l'Inter aveva dato dimostrazione di forza, coerenza e carattere che faceva ben sperare per la finale. Ieri era una gara difficile contro un avversario tosto e la sconfitta non è solo colpa dell'Inter ma anche grande merito del Siviglia che ha dimostrato di esssere una squadra davvero difficile da affrontare. C'è anche da dire che la squadra non è stata molto fortunata negli episodi che sono svoltati tutti in favore degli spagnoli".


C'è qualche calciatore che l'ha delusa di più?
"Non mi sento di incolpare nessuno sinceramente, è stata una competizione stressante per tutti con partite secche e ravvicinate. C'è stato poco tempo per prepararsi e dunque non mi sento di dare colpa qualcuno. Sicuramente qualche calciatore non ha disputato la sua miglior partita. Ecco mi spiace tanto per Lukaku perché verrà ricordato per quello sfortunato episodio ma che ha comunque disputato una stagione incredibile e anche ieri sera ha giocato una buona gara".

Da dove si deve ripartire per non buttare via una stagione comunque positiva?
"La stagione resta molto positiva e bisogna aspettare di capire cosa succederà tra Conte e la società (sorride; ndr). Poi se tutto si rimetterà a posto penso che un po' di scalini siano stati fatti per tornare in cima e penso che con pochi acquisti e la squadra sia pronta per tornare presto a vincere. Ripeto, la base di partenza è ottima ed è stato fatto un ottimo lavoro in questi anni".


Come valuta gli sfoghi di Conte di ieri sera e di tre settimane fa a Bergamo: secondo lei resterà all'Inter o le sue parole sanno di addio:
"Sì effettivamente l'ha fatto più di una volta quest'anno...Il fatto stesso che ripetesse diverse volte che ci fossero dei problemi lascia poche speranze sul fatto che rimanga. Al di là delle sue motivazioni penso sia un vero peccato perché aveva lavorato molto bene e la società penso abbia voglia di seguirlo e accontentarlo. Forse ci sono delle cose che non gli piacciono che noi non sappiamo e bisogna rispettare il parere di tutti. Dunque vedremo cosa succederà"

Lei ha l'impressione, un po' come Conte, che sull'Inter si vogliano sempre alimentare polemiche?
"Questo può essere, assolutamente. L'Inter è da sempre la meno istituzionale di tutte le altre società ed è più facilmente aggredibile... Poi certe volte ci si fa male anche da soli ma questa caratteristica del club è quella che fa poi affezzionare ancora di più i tifosi"


Nel caso dovesse saltare Conte, Allegri è il nome giusto per ripartire?
"Io non lo so giudicare in questo momento. Allegri è sicuramente un bravo allenatore, una persona perbene e potrebbe essere l'uomo giusto nel caso Conte andasse via. Ma ce ne sono anche altri bravi in giro non mi metto nei panni del presidente che dovrà scegliere il sostituto (ride; ndr)".


Lei lo aveva detto che il sogno Messi non era poi così impossibile con Suning. I rumors parlano di questo forte interesse dell'Inter per la Pulce e della sua volontà di lasciare Barcellona. Lei ci crede?
"Sembra una cosa ben avviata, anche Suning ha fatto pubblicità con la sua televisione con Messi proiettato in bello stile sul Duomo. Poi c'è questa questione degli appartamenti acquistati dal padre a Milano e la sua presunta voglia di cambiare aria e tutto questo fa presagire che questo sogno possa in realtà diventare realtà. Io tempo fa dissi che con Suning era possibile perché ha la forza economica per poterlo portare all'Inter, poi però ci sono altri discorsi legati ai bilanci. Ripeto, a quello che leggo e sento però sembra che non sia poi così irrealizzabile".

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Malacappa

Sab, 22/08/2020 - 14:11

Abbiamo visto che non solo la juve perde le finali,pero'per perdere una finale bisogna arrivarci

Libero 38

Sab, 22/08/2020 - 14:11

Inter sfortunta?Il solo ch'e' stato sfortunato e' stato il presidente cinese che ha pagato 12 milioni per avere scelto nonun allenatore ma un allevatore.

Kamen

Lun, 14/09/2020 - 12:43

Il prescritto con il sorriso cartonato perchè non si complimenta con Conte per aver fatto vincere la stella di cartone per i dieci anni senza vittorie e aver reso così felici gli intertristi?