Nadal batte Djokovic e vince per la decima volta a Roma

Rafael Nadal ha vinto l'Atp di Roma battendo in finale Djokovic, in tre ore di gioco, con i parziali di 7-5, 1-6, 6-3. Decimo successo al Foro Italico per lo spagnolo che sale a quota 36 titoli tra i Masters 1000

Nadal batte Djokovic e vince per la decima volta a Roma

Rafael Nadal è un vero e proprio rullo compressore e si dimostra ancora una volta, qualora ce ne fosse bisogno, il re incontrastato della terra rossa. Il 34enne spagnolo ha trionfato per la decima volta al Foro Italico, agli internazionali d'Italia, battendo in finale il numero uno del mondo Novak Djokovic con i parziali di 7-5, 1-6, 6-3 in circa tre ore di gioco. 88esimo titolo in assoluto per l'iberico, 36esimo Masters 1000 come il collega serbo e otto in più rispetto a Roger Federer. Djokovic, che compirà 34 anni il prossimo 22 maggio, cede così la sua corona e lo scettro dopo aver trionfato a Roma nel 2020.

Nadal e Novak Djokovic hanno dato vita, come al solito, ad un grande match con tre ore di grande tennis davanti ad un pubblico entuasiasta che in questi giorni è tornato finalmente a riaffollare gli spalti del Foro Italico per assistere ad uno spettacolo davvero unico. Era la 57esima volta che i due si affrontavano, 29esima finale Atp con un bilancio di 16 vittorie per il serbo e 13 per l'iberico. Questa vittoria è un ottimo viatico in vista del Roland Garros con Nadal che in caso di vittoria arriverebbe a quota 21 titoli del Grande Slam superando così il collega e amico Roger Federer.

La partita

Nel primo set Djokovic scappa subito sul 2-0 togliendo subito il servizio a Nadal nel secondo gioco. Lo spagnolo però non molla e fa subito controbreak portando avanti la contesa fino al 5-5. L'undicesimo gioco è quello decisivo per lo strappo finale con Rafa che toglie ancora una volta il servizio al serbo chiudendo poi il primo parziale in suo favore per 7-5.

Nel secondo set Djokovic scende in campo determinato e lascia solo le briciole al rivale che risce a tenere il servizio solo fino all'1-1. Doppio break da parte dlel serbo nel quarto e nel sesto gioco con il numero uno del mondo che chiude in scioltezza 6-1 con Nadal che ha già la testa all'ultimo e decisivo set.

Nel terzo parziale si va avanti in parità fino al quarto game, nel quinto Nadal tiene il servizio portnadosi sul 3-2 e nel sesto gioco ecco il break decisivo che lo porta sul 4-2. Lo spagnolo tiene il servizio e va sul 5-2 e nell'ottavo gioco ha la chance per chiudere la contesa ma la rabbia del campione in carica esce fuori e si arriva fino al nono gioco con Nadal che non trema e vince meritatamente la partita.

Test superato

Il ministro della Salute e il sottosegretario allo sport hanno promosso la scelta di aprire al pubblico a partire dagli ottavi di finale in poi: "Il segnale inviato da questi Internazionali ha grande rilievo. Sono riuscita a portare qui il ministro per mostrargli che quando gli sportivi organizzano le cose sono in grado di farlo nel rispetto delle regole e della situazione che si sta vivendo. Facendo le cose per bene tutto è possibile".

Tra le donne trionfo "tennistico"

Tra le donne è stata la giovane polacca Iga Sviatek a vincere il torneo regolando con un doppio 6-0 "tennistico" la numero nove del seading Karolina Pliskova. "Sono ambiziosa, ma di certo non mi aspettavo finisse così... Da subito ho sentito quanto fosse nervosa e ho sfruttato la cosa spingendo al massimo. E comunque non è facile giocare dopo un primo set 6-0, io ho cercato per tutto il secondo di affrontare ogni punto come se fosse l'inizio della gara. L'ho fatto talmente bene che dopo il match ho dovuto chiedere al mio coach come fosse finita e mi sono anche sorpresa del risultato!", le parole della 19enne di Varsavia che compirà 20 anni il prossimo 31 maggio.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?