Perisic fa gioire l'Inter: 2-1 al Verona e secondo posto a -2 dal Napoli

L'Inter espugna il Bentegodi di Verona, supera Lazio e Juventus e si riprende il secondo posto alle spalle del Napoli di Sarri. Record di punti per i nerazzurri

L'Inter di Luciano Spalletti non stecca nel Monday Night, vince contro il Verona di Fabio Pecchia e si riporta al secondo posto alle spalle del Napoli di Maurizio Sarri. Erano 20 anni che i nerazzurri non mettevano insieme 29 punti nelle prime 11 giornate di campionato. Il gol di Borja Valero ha sbloccato il match nel primo tempo, mentre nella ripresa il rigore segnato da Pazzini, e concesso grazie all'ausilio del Var per fallo di Handanovic su Cerci, aveva illuso i gialloblù riportati sulla terra al 66' grazie all'ennesimo gran gol di Ivan Perisic. Con questo successo l'Inter ottiene la nona vittoria in campionato, supera la Juventus e la Lazio e si rimette in scia del Napoli. Nel prosismo turno i nerazzurri ospiteranno, domenica alle 12:30, il Torino di Sinisa Mihajlovic.

L'Inter parte bene al Bentegodi ma è il Verona a farsi vedere pericolosamente con Cerci che al 9' viene murato da Miranda e al 13' con Romulo che penetra in area di rigore e la mette in mezzo trovando la respinta della difesa nerazzurra. Al 17' Icardi conquista palla in difesa e va lui stesso a chiudere il contropiede dell'Inter ma la palla è fuori. Al 22' Vecino va al tiro ma para Nicolas, mentre al 31' D'Ambrosio viene chiuso all'ultimo da un ottimo Heurtaux in scivolata prima che potesse battere a rete. Al 36' i nerazzurri passano: cross teso dalla destra di Candreva che taglia l'area di rigore, irrompe Borja Valero che di piatto destro la mette dentor per l'1-0.

Nella ripresa l'Inter parte forte e va due volte al tiro con Icardi e Vecino: in entrambe le circostanze la palla sibila vicino all'incrocio dei pali. Al 56' ecco l'episodio favorevole al Verona: Handanovic esce a valanga su Cerci e Gavillucci prima lascia proseguire e poi viene richiamato dal Var: dopo un paio di minuti di conciliabolo l'arbitro concede il rigore e dagli undici metri Pazzini non perdona. Al 63' Vecino colpisce di testa la traversa e al 65' Candreva impegna severamente il portiere Nicolas che la mette in angolo. Sugli sviluppi del corner libera Caracciolo ma da fuori area irrompe Ivan Perisic che con un gran destro batte il portiere del Veron per il 2-1 Inter. Al 75' Fares la mette bene in mezzo per Pazzini che in estirada non ci arriva graziando così Handanovic.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

qwewqww

Mar, 31/10/2017 - 10:15

Il palazzo confindustriale calcistico(juve, roma, napoli e lazio)con gli arbitri che controlla(la maggior parte degli arbitri risiede nei dintorni di roma, napoli e torino)sta indirizzando le 4 posizioni della champions favorendo roma e lazio,e danneggiando Inter e il Milan.Ieri sera lo si è visto molto bene,con il rigore inventato contro l'Inter dall'arbitro confindustriale Gxvillucci di Latina(roma),per tentare di bloccare l'Inter rispetto a roma e lazio nella corsa alla champions.Il "finto" rigore è stato causato anche dall'"errore" del napoletano D'Ambrosio,che è sottoposto a "pressioni napoletane" come il suo concittadino Izzo,che dopo che con il Genoa aveva segnato contro il napoli era stato bombardato da messaggi offensivi dai napoletani.Fossi in Spalletti comincerei a cercare un sostituto di d'Ambrosio e, Inter e Milan sarebbe meglio sostituissero tutti i giocatori provenienti dai dintorni di roma e napoli.