Roma nel caos, mani addosso tra Dzeko ed El Shaarawy

Il Corriere dello Sport racconta della rissa scoppiata durante l'intervallo di Spal-Roma tra Edin Dzeko e Stephan El Shaarawy. I due attaccanti giallorossi sono venuti alle mani e ora il loro futuro è segnato: uno dei due andrà via

Roma nel caos, mani addosso tra Dzeko ed El Shaarawy

Una rissa da bar. Nel bel mezzo della partita e nella fase più delicata di una stagione iniziata male e proseguita, se possibile, ancora peggio. La Roma è nel caos. A dirlo, anzi, a confermarlo visto il momento negativo della squadra giallorossa tra risultati che non arrivano e il cambio in panchina tra Eusebio Di Francesco e Claudio Ranieri, è una clamorosa rivelazione del Corriere dello Sport. Secondo il quotidiano romano, nell'intervallo della partita di sabato scorso contro la Spal, ci sarebbe stato un feroce litigio tra due dei giocatori più carismatici della Roma: da una parte il bosniaco Edin Dzeko, dall'altra l'azzurro Stephan El Shaarawy. Una lite che non si è trasformata in scazzottata grazie all'intervento dei compagni. Che hanno evitato guai peggiori.

Ma cosa è successo esattamente? Ecco una breve ed esauriente ricostruzione dei fatti. È appena terminato il primo tempo con il parziale di 1-0 per la Spal. Dzeko, protagonista di una stagione in chiaroscuro con appena 7 gol segnati in campionato - gli stessi di Kolarov, che però non fa il centravanti ma il terzino - appare molto nervoso. Dopo essere stato insultato dai tifosi di casa, risponde alle provocazioni del pubblico spallino con un gesto che invita gli spettatori presenti ad "alzare" il volume dei cori offensivi, per poi discutere in modo animato con la panchina della Spal e in particolare con il ds ferrarese Davide Vagnati. Per poco non scoppia una rissa. Tutto sembra finire lì, ma in realtà è solo l'inizio.

Dzeko è incontenibile, una furia. Entra nello spogliatoio riservato alla squadra giallorossa scalciando qualunque cosa gli capiti a tiro e sbattendo la porta. A un certo punto incrocia lo sguardo con El Shaarawy, il suo compagno di reparto che accusa di non avergli passato un pallone. Anche l'attaccante savonese è su di giri e non fa nulla per nasconderlo, rispondendogli a tono. È in quel preciso momento che il bosniaco perde le staffe, aggredendo l'ex attaccante di Genoa e Milan verbalmente e fisicamente. I due si mettono le mani addosso, la situazione sta per degenerare quando i compagni intervengono per dividerli. Mister Ranieri, con la sua esperienza, decide di lasciare in panchina l'italo-egiziano per il secondo tempo in cui la Roma pareggerà prima di prendere il gol del 2-1.

Una riflessione. Nel calcio le discussioni, anche animate, sono (quasi) all'ordine del giorno. Solo che rimangono tra le quattro pareti della spogliatoio. Nel caso della lite Dzeko-El Shaarawy non è stato così. La domanda è una sola: chi è la talpa?

Segui già la nuova pagina Sport de ilGiornale.it

Commenti