Serie A, Chievo Verona-Inter 0-1

L’Inter prosegue in testa a punteggio pieno espugnando il Bentegodi nell’anticipo dell'ora di pranzo

L’Inter prosegue in testa a punteggio pieno espugnando il Bentegodi nell’anticipo dell’ora di pranzo: battuto 1-0 un buon Chievo, decide la prima rete stagionale di Icardi a fine primo tempo. Maran conferma Birsa alle spalle di Meggiorini e Paloschi, recuperato Gamberini mentre in mezzo trova spazio Rigoni. Per Mancini stessa formazione del derby con l’unica eccezione di Telles a sinistra al posto di Juan Jesus, Medel al centro della difesa con Murillo e Perisic trequartista a supporto di Jovetic e Icardi. Prima conclusione della gara di Castro ma centrale, risposta nerazzurra con un velenoso tiro-cross del croato ex Wolfsburg. Guarin, gasato dal gol del derby, è il più attivo fra i suoi mentre nel Chievo è Birsa a ispirare. Gialloblù pericolosi
al 19’ col colpo di testa di Castro di poco alto, risposta di Telles che, servito da Jovetic, mette in mezzo costringendo Bizzarri a smanacciare in angolo. Dopo una punizione di Birsa alta, Chievo vicino al gol al 35’: apertura dello sloveno sulla destra per Paloschi e diagonale sul quale l’anticipo di Medel su Meggiorini è provvidenziale.

E al 42’ l’Inter passa: Kondogbia mette in area, pasticcio di Gobbi e palla raccolta da Icardi che infila Bizzarri. Subito risposta dell’undici di Maran ma Handanovic si oppone alla botta di Birsa e sulla respinta Castro mette a lato. Prima chance della ripresa ancora di marca Chievo, con una gran giocata di Paloschi il cui destro è però alto. La squadra di casa insiste, Mancini perde per infortunio Murillo mentre Maran gioca la carta Inglese. Entrano anche Mpoku e Pepe, Mancini risponde con Palacio per Jovetic. Finale nervoso (espulso Maran), Cesar sfiora il pari ma l’Inter conserva il vantaggio e il primato.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Anna 17

Anna 17

Lun, 21/09/2015 - 08:36

Bel titolo, la prima vittoria della Juventus. Secondo Gasperini e molti altri, è stato il primo regalo di una categoria arbitrale squallida e servile. Se continuano così si ritroveranno soli a guardare il calcio. Ieri vedevo giocare a tennis R. Federer, dopo un tiro visibilmente fuori ma non chiamato dall'arbitro, Federer, con il tiro successivo buttava volontariamente fuori la pallina. Questo oltre ad essere un grandissimo professionista è uno Sportivo.