"Spero muoia di cancro": gli irripetibili insulti a Venuti e alla sua compagna

Lady Venuti denuncia gli insulti choc ricevuti sui social: "Il tuo ragazzo fa schifo. Hai il fidanzato 'cancrato', speriamo muoia. E tu sei una schifosa napoletana"

"Spero muoia di cancro": gli irripetibili insulti a Venuti e alla sua compagna

Lorenzo Venuti, difensore della Fiorentina, e la sua compagna Augusta Lezzi sono stati investiti in maniera ingiustificata dall'odio social. È stata la stessa fidanzata dell'ex di Benevento, Brescia e Lecce a mettere in piazza quando avvenuto su Instagram postando una serie di insulti osceni ricevuti. Un utente le ha infatti inviato messaggi scritti e vocali gravemente offensivi, con affermazioni del tipo: "Il tuo ragazzo fa schifo, è orribile. L'unica squadra in cui potrebbe giocare è il Montevarchi. Hai il fidanzato 'cancrato', speriamo muoia. E tu sei una schifosa napoletana".

La risposta di Augusta e Lorenzo

La fidanzata di Venuti, incredula e amareggiata, ha deciso di pubblicare tutto rispondendo a questo pseudo tifoso della Fiorentina: "Io spero che tu non conosca mai cosa vuol dire avere il cancro. In pochi secondi di audio hai vomitato odio su di me, su di noi, sui napoletani, sulle persone di colore e sulla tua stessa vita. Io domani ti denuncio". E ancora: "Voglio che questa persona paghi per ciò che ha 'vomitato', immotivatamente. Per me non esistono scusanti. Chi ha quest'odio dentro è una persona potenzialmente pericolosa". Augusta ha anche precisato: "Frasi come quelle che avete letto e ascoltato non possono essere messi a tacere ignorando. Frasi su malattie oncologiche, body shaming e insulti di matrice territoriale creano un mix aberrante".

Ovviamente anche il diretto interessato, Lorenzo Venuti, ha voluto rispondere all'insensato odio social piovuto su di lui e la sua compagna: "Non me ne frega niente delle critiche mosse verso il calciatore, anzi sono aperto a farne tesoro per migliorare, ma quando si muovono insulti inerenti alla morte, a tumori e cancri non ci sto. Perché forse non sapete (tu e i tuoi amici che ridevano e sghignazzavano) cosa significa combattere contro un cancro, perché forse non sapete ciò che si vede dentro i reparti di oncologia, anzi ne sono certo, non lo sapete. Insulti razzisti e territoriali sono la ciliegina sulla torta che qualificano la persona che siete. Non voglio fare vittimismo di tutta questa storia, vorrei solo che prima di cominciare a scrivere da dietro una tastiera vi fermaste un momento a pensare e valutare se ne vale davvero la pena", il tackle del difensore della Fiorentina.

Anche il club di proprietà di Rocco Commisso ha voluto esprimere la propria vicinanza al giocatore e alla sua compagna: "La presidenza, tutta la dirigenza, lo staff tecnico e tutti i compagni di squadra della Fiorentina, esprimono la propria vicinanza ed il proprio sostegno a Lorenzo Venuti e alla sua fidanzata per gli inqualificabili insulti ricevuti attraverso i social. La Società ribadisce che la correttezza e il rispetto devono essere alla base di tutto, non ritiene tollerabili questo tipo di messaggi e sarà accanto al calciatore e alla sua compagna perseguendo ogni iniziativa possibile affinché gli autori di gesti così ignobili possano essere prontamente individuati e puniti".

Commenti