Sport

"Sta male...". Choc Dybala: ecco cosa rischia adesso

Nuova brutta tegola per la Roma: Paul Dybala si fa male dopo aver trasformato il rigore contro il Lecce. Si teme un lungo stop, ecco cosa rischia l'asso argentino

"Sta male...". Choc Dybala: ecco cosa rischia adesso

La Roma vince ma non esulta. I tre punti ottenuti contro il Lecce passano inevitabilmente in secondo piano. Preoccupano, e non poco, le condizioni fisiche di Paulo Dybala, costretto a lasciare il campo con numerose smorfie di dolore subito dopo aver messo a segno il calcio di rigore che ha fissato il punteggio sul 2-1. Borsa del ghiaccio sulla coscia sinistra, le telecamere di Dazn hanno beccato l'asso argentino in lacrime una volta seduto in panchina.

"Sta molto male..."

Scuro in volto, José Mourinho ha risposto alle domande dei giornalisti nel dopo partita, una su tutte: come sta Dybala? "Dico male, per non dire molto, molto male. Ma la sensazione è che stia molto, molto male. Non ho parlato con il dottore ma per esperienza posso dire che non siamo ottimisti". Nella giornata di oggi, lunedì 10 ottobre, saranno eseguiti gli esami strumentali che fugheranno ogni dubbio sulle condizioni dell'argentino: stiramento o strappo alla coscia sono le ipotesi più accreditate ma potrebbe trattarsi di altro, bisognerà aspettare qualche ora.

Cosa rischia Dybala

Chi mastica di calcio sa, comunque, che non potrà tornare in campo né per la trasferta di giovedì in terra spagnola contro il Betis Siviglia e neanche per la prossima gara di campionato a Genova contro la Sampdoria. I tifosi giallorossi incrociano le dita ma lo stop potrebbe essere così lungo da compromettere anche il Mondiale di Calcio che avrà inizio in Qatar domenica 20 novembre. "Se torna prima del 2023? Ho parlato con lui e penso sia difficile", ha dichiarato a Tuttosport. Incredibile, dopo un calcio di rigore la Roma e l'asso argentino rischiano una tegola che potrebbe avere ripercussioni sull'intera stagione romanista. Attorno a Dybala ruota la squadra, l'entusiasmo ritrovato di società e tifoseria ed è il bomber che ha siglato finora 5 reti in Serie A.

"C'è stanchezza"

La gara contro il Lecce, come detto, è passata in secondo piano ma Mourinho non ha risparmiato velate critiche ai suoi per la gestione in 11 contro 10 sin dal primo tempo. "Non mi ricordo di tante partite nella mia carriera che ho giocato 11 contro 10 e volevo finisse subito. C'è stanchezza, fisica e mentale", ha affermato in conferenza stampa. A questo punto, l'attacco sarà tutto sulle spalle di Belotti e Abraham, il quale continua in una spirale di crisi dal quale non riesce a uscire. Sulle reti sbagliate interviene lo stesso Special One: "Ci si può allenare, ma credo sia più un problema mentale. Quello che mi preoccupa è più la poca gestione della partita. Noi studiamo tanto gli avversari, sappiamo come pressano, ma a volte vedo cose in partita e penso che il mio italiano sia terribile. Dico delle cose, ma a volte viene fatto il contrario".

Commenti