Una pioggia di medaglie per l'Italia agli Europei

Ancora delirio azzurro a Roma. Ceccon (50 m farfalla) e Panziera (200 dorso) conquistano l'oro. Doppietta nei 100 rana con Martinenghi e Poggio. Poi arriva l'apoteosi con Quadarella

Una pioggia di medaglie per l'Italia agli Europei

Una pioggia di medaglie per l'Italia nella seconda giornata agli Europei di nuoto. Dopo quelle della prima giornata, oggi ne arrivano altre cinque. Protagonisti Thomas Ceccon, oro nei 50 metri farfalla e con Margherita Panziera, sul gradino più alto del podio nei 200 dorso. Il terzo oro arriva poi con Nicolò Martinenghi nei 100 rana, dove Federico Poggio d’argento firma la doppietta azzurra. Infine l'apoteosi con Simona Quadarella negli 800 stile libero.

Dopo le tre medaglie conquistate nella giornata di ieri, i nuotatori azzurri continuano a regalare emozioni e successi con altri quattro ori e un argento. La medaglia più preziosa arriva in ordine con la grande impresa di Margherita Panziera, che era stata la grande delusione delle Olimpiadi, ma sembra rinata a questi Europei e prende l'oro nei 200 metri dorso.

La ventisettenne veneta si mette alle spalle l'inglese Katie Shanahan e l’ungherese Dóra Molnár con il tempo di 2'07''13 e si conferma per la terza volta consecutiva la più forte d’Europa. "Ancora prima di vedere il tempo ho sentito il boato, mi sono detta, è andata bene. Mi sono fatta proprio un bel regalo, è stata una stagione intensa, ci sono stati tanti giorni in cui odiavo nuotare, ma ho resistito e sono qui" le sue parole a fine gara.

Conquista il gradino più alto del podio nei 50 metri farfalla anche Thomas Ceccon. Una gara strepitosa del veneto capace di prendersi l'oro con il tempo di 22''89. In un testa a testa fino all'ultimo respiro con l'olandese Nyls Korstanje e il bulgaro Josif Miladinov, Ceccon conquista il suo primo titolo europeo nella specialità, il primo in assoluto per l'Italia nei 50 farfalla."I 50 si posso vincere o perdere. Oggi mi è andata bene, forse ho sbagliato un po' la partenza - spiega il gigante veneto -. Il tifo si è fatto sentire tantissimo: è sempre bello gareggiare in Italia".

Uguale metallo anche per Nicolò Martinenghi, che trionfa nei 100 metri rana. Prestazione spettacolare del giovane varesino che domina dall’inizio alla fine e chiude in 58”26 con il record italiano eguagliato. Con lui nella stessa gara anche Federico Poggio che conclude sul secondo gradino del podio a 58''98 e regala una spettacolare doppietta azzurra in questa disciplina. Chiude il podio il lituano Andrius Sidluskas.

"Sono felicissimo, anche se mi aspettavo di nuotare più veloce. Questa medaglia ha un peso importante, poiché arriva al termine di una stagione lunga - spiega l'azzurro -. L’anno post olimpico è sempre delicato, il rischio è di abbassare il livello: invece sono rimasto competitivo". Commosso Poggio: "È tutto incredibile. Mi sono tornati in menti i tempi degli Eurojunior quando gareggiavamo insieme a Nico ed eravamo sempre sul podio".

Spettacolare e oro anche per la padrona di casa Simona Quadarella negli 800 metri stile libero. L'azzurra lotta con la tedesca Isabel Marie Gose (seconda), poi mette la quinta e conquista il suo terzo oro consecutivo in questa specialità ai campionati europei con il tempo di 8'20"54. Completa il podio la turca Merve Tuncel, mentre Martina Rita Caramignoli chiude al quinto posto.

"È stato molto emozionante, sono felice di aver vinto anche se speravo di fare qualcosa in meno per quanto riguarda il tempo. Ho avvertito molto gli ultimi 100 metri. È il mio settimo oro europeo in vasca lunga, riconfermarsi è la cosa più difficile e più bella dello sport". Lo ha detto ai microfoni della Rai Simona Quadarella dopo il trionfo.

Segui già la nuova pagina Sport de ilGiornale.it?

Commenti