La stella a 5 punte sui muri del Forlanini

Potrebbero essere state realizzate diverso tempo fa le scritte con riferimenti alle Br trovate ieri mattina all’ospedale Forlanini. È quanto si apprende da fonti investigative. Dai primi accertamenti sembrerebbe che non ci sia in legame tra l’incendio divampato martedì sera al San Camillo e le scritte comparse al Forlanini. «Non é la prima volta che si verificano episodi del genere nell’ospedale all’indomani di cambi di dirigenza e firme di atti aziendali importanti» ha detto il direttore sanitario del San Camillo Diamante Pacchiarini. «Non a caso proprio l’altroieri si è insediato il nuovo commissario Martelli - ha aggiunto - alcuni anni fa quando sono stato nominato direttore sanitario scoppiò un incendio in un padiglione. Tra le scritte comparse ieri al Forlanini, che si aggiungono a quelle già esistenti, una fatta sulla porta della Cgil recita “A morte”». «Quanto avvenuto all’ospedale San Camillo - ha commentato il sindaco Gianni Alemanno - è un atto gravissimo, che deve far riflettere ancora di più visto che a essere presi di mira sono i sindacati. Voglio esprimere a Cgil e Cisl tutta la mia solidarietà». «La stella a 5 punte - gli ha fatto eco Gianni Sammarco, coordinatore romano del Pdl - è un simbolo sempre spiacevole da vedere, considerando il terrore che ha instillato e i numerosi lutti che ha provocato. Mi auguro che gli autori siano solo mitomani».
«Minacciare chi difende i diritti dei lavoratori è un atto vile - ha detto il presidente della provincia Zingaretti - che merita la più ferma conda». Per il presidente della Regione Renata Polverini «sono atti assolutamente da respingere, non è il caso di ripristinare un clima di paura che ormai riteniamo sia stato sconfitto. Non bisogna comunque abbassare la guardia, ci tenevo a vedere personalmente ciò che è accaduto». Polverini ieri pomeriggio, assieme al commissario straordinario dell’azienda ospedaliera San Camillo-Forlanini Massimo Martelli e al senatore Domenico Gramazio, ha visitato l’ospedale Forlanini

Commenti

Grazie per il tuo commento