Nautica

La storia / Da clandestino a capo tecnico di un cantiere

Era arrivato a Brindisi da Valona come clandestino a bordo di un gommone. Si chiama Avdi Rroshi. Oggi, nell’ambito di una «Mille Miglia del mare» che farà da apertura allo «Yacht Med Festival» di Gaeta, si prepara ad affrontare nuovamente quella tratta per tornare in patria come membro dell’equipaggio della barca «Diamond 32 Green B», in quanto responsabile tecnico di produzione del cantiere costruttore, la società Bimax. La storia di Avdi, testimonia come possano nascere delle sinergie vantaggiose per il nostro Paese quando la buona volontà di alcuni immigrati intraprendenti viene valorizzata da aziende come la Bimax, da sempre impegnata ad offrire nuove opportunità lavorative di inserimento e crescita professionale in particolar modo ai giovani, il che fa trasparire l’impegno costante della società nella propria crescita e innovazione.

Infatti il cantiere Bimax di augura di ripetere il raid anche per l’edizione del 2012, magari a bordo di un nuovo modello di barca, come segnale della vitalità dell’azienda, probabilmente toccando anche le coste del Nord-Africa, il che significherebbe una ritrovata pace per tutti quei popoli.

Commenti