Super Ivan «Adesso mi sono rialzato. E ringrazio Nibali»

Ivan Basso torna in maglia rosa dopo quattro anni. Però non ha molta voglia di parlare di quello che è stato, quanto di quello che sarà. «Il passato è passato. Sapete tutti cosa mi è successo. La cosa più bella è come mi sono rialzato e mi sono messo il numero sulle spalle. Ma ora la mia testa è proiettata al Gavia. Il Giro non è assolutamente finito, anzi». Il Giro non è finito, ma incomincia dai ringraziamenti. «Abbiamo vissuto una giornata fantastica per la quale devo ringraziare la squadra. Sul Mortirolo avrei potuto anche staccare Nibali e Scarponi ma non sarebbe stata una scelta intelligente. Sono stato ripagato da loro nella salita verso l’Aprica, quando il loro aiuto è stato preziosissimo».
Gli chiedono se questo è il giorno più bello della sua vita, lui ci pensa un attimo e dice: «Una cosa è certa: è un momento splendido della mia carriera». Resta il Gavia, che ci dovrebbe essere, nonostante i problemi meteorologici. «È una tappa tosta, ma non dite che ho la sindrome della discesa, perché si arriva su al Tonale e io in questo Giro ho sempre dormito bene. Le discese per me non sono assolutamente un incubo. Come correremo? Con lo stesso atteggiamento dell’Aprica, da squadra unita, da gruppo forte».

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti